ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Coppe sudate, allenatori silurati e squadre che già festeggiano gli Europei

the corner

Coppe sudate, allenatori silurati e squadre che già festeggiano gli Europei

Pubblicità

Coppe e record sì, ma… quanta fatica!

È festa in casa Barcellona, ma quanta fatica! Prima di poter levare al cielo la Coppa del Re i blaugrana hanno dovuto sudare. Per 90 minuti al Vicente Calderon di Madrid è grande equilibrio. È poi ai supplementari che gli uomini di Luis Enrique trovano con Jordi Alba e Neymar i gol del 2-0 finale che vale la seconda doppietta consecutiva coppa e campionato.

Vittoria sofferta e addio in trionfo: Guardiola saluta il Bayern


Finisce con un altro trionfo l’era di Pep Guardiola al Bayern Monaco. Ci vogliono però i rigori per regalare ai bavaresi il successo contro il Borussia Dortmund.
Fatali ai giallo-neri, gli errori dal dischetto di Bender e Papastathopoulos. Decisivo invece per il Bayern il centro di Costa che iscrive un altro trofeo all’albo d’oro della squadra, che Guardiola passerà alla guida di Carlo Ancelotti.

Coppa in scioltezza: l’addio di Ibra al PSG


Più facile in Francia, il cammino del PSG, che con la finale di Coupe de la Ligue saluta Ibrahimovic. Subito in vantaggio, gli uomini di Laurent Blanc si fanno recuperare al decimo dall’Olympique Marsiglia. A chiudere nei supplementari sono però Cavani e una doppietta del mattatore Ibra, che fissano il punteggio sul 4-2.

Il Manchester United fa 12 8e agguanta l’Arsenal


Il Manchester United fa 12 e agguanta l’Arsenal tra le squadre con più Coppe d’Inghilterra in bacheca. Il successo arriva però solo ai supplementari. Sotto a 10 minuti dal 90°, gli uomini di Van Gal pareggiano prima del triplice fischio. Di Mata poi la rete che evita la lotteria dei rigori e vale la FA CUP.

Record e sudore: Morata trascina la Juve


Supplementari anche per la gara che proietta la Juventus dei record nella storia, con una seconda doppietta consecutiva, campionato e coppa, che finora non era mai riuscita a nessuno. A sbrigare la pratica è Morata, che al 110° infila il gol del KO e regala ai bianconeri il decimo trofeo in cinque anni.


Up&Down: il borsino della settimana



In rialzo il borsino dello Hibernian, che imponendosi per 3-2 Rangers porta a casa una Coppa di Scozia che gli mancava da 114 anni. Al cardiopalma l’incontro, con la rete del successo arrivata al 92°.

Bye bye Van Gaal. La Coppa non basta


In picchiata invece le azioni di Louis Van Gaal. A precipitarle l’annuncio del Manchester United, che ne ha ufficializzato l’esonero. Insufficiente, al tecnico olandese, il successo in Coppa d’Inghilterra, per aggrapparsi a una panchina che traballava da tempo.

Il NYC ne prende 7. Derby da incubo per Pirlo


Settimana da dimenticare anche per il New York City di Pirlo, seppellito per 7-0 allo Yankee Stadium dai New York Redbulls di Lampard, nel derby calcistico della Grande Mela


L’Ungheria agli Euro. E a Budapest già esplode la festa

Festa e concerti a cielo aperto, con tanto di brani scritti apposta per la nazionale. È con una gioiosa maratona di eventi al Budapest Park, che la capitale ungherese ha celebrato una partecipazione agli Europei che mancava dal 1972.

Per molti è solo un ricordo nei racconti dei genitori e la speranza, come dice un bambino ai nostri microfoni, che “li stenderemo tutti”.

“Sono contenta perché finalmente potremo mostrare quanto valiamo una competizione di alto livello – gli fa eco un’altra ragazza -. Spero che i ragazzi giochino con il cuore e ce la mettano tutta per strappare un buon risultato”.

Portogallo a parte, gli avversari del Gruppo F non sono proprio proibitivi. Speranza degli stessi giocatori è però che una marcia in più venga proprio dal pubblico. “È davvero fantastico constatare come la gente ci sia vicino e faccia il tifo per la nazionale – ci dice László Kleinheisler -. Il loro sostegno è fondamentale e spero che molti di questi tifosi ci seguiranno anche in Francia per gli Europei”.

“La partecipazione a questa competizione arriva dopo anni di attesa per i tifosi – conclude la corrispondente di euronews Andrea Hajagos -. E stando ai dati di un tour operator, la maggior parte dei fan che per le prossime settimane stanno cercando sistemazioni nelle città degli Europei sono proprio ungheresi”.


Secondo noi finirà così: tempo di pronostici


Secondo la redazione sportiva di euronews, sarà l’Atletico a imporsi per 2-1 e a conquistare la Champions League, vendicando così la sconfitta subita due anni fa nella finale di Lisbona proprio dal Real Madrid. Fateci sapere la vostra, inviandoci i vostri pronostici su Twitter con l’hashtag #TheCornerScores

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo