ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Londra riscopre "La quinta colonna", pièce dimenticata di Hemingway

Lettura in corso:

Londra riscopre "La quinta colonna", pièce dimenticata di Hemingway

Dimensioni di testo Aa Aa

Scritta negli anni Trenta, durante la guerra civile spagnola, “La quinta colonna” di Ernest Hemingway è la sua unica pièce teatrale, un’opera quasi

Scritta negli anni Trenta, durante la guerra civile spagnola, “La quinta colonna” di Ernest Hemingway è la sua unica pièce teatrale, un’opera quasi dimenticata che rivive in scena a Londra.

La trama si svolge intorno alle avventure di un agente del controspionaggio repubblicano, Philip Rawlings (che ha molti tratti in comune con l’autore) e della sua amante, la giornalista Dorothy Bridges, ritratto della reporter Martha Gellhorn, terza moglie di Hemingway.

L’azione si svolge all’Hotel Florida di Madrid, in cui lo scrittore alloggiò mentre documentava il conflitto come inviato.

Il produttore Graham Cowley osserva: “Ha scritto la pièce a puntate tra un bombardamento e l’altro; andava sulla linea del fronte, che era a pochi metri dall’hotel, e prima arrotolava il manoscritto e lo nascondeva sotto il materasso, sperando di trovarlo ancora al suo ritorno.’‘

Mentre la storia d’amore tra Philip Rawlings e Dorothy Bridges si sviluppa, l’azione rivela la spietatezza del conflitto.

La pièce non è considerata una delle opere principali del prolifico scrittore americano, ma è rivelatrice dello stesso Hemingway.

“Penso sia una versione idealizzata, nella testa di Hemingway, di come gli sarebbe piaciuto essere considerato” sostiene Simon Darwen, che interpreta Philip Rawlings. “Si sentiva pieno di iniziativa, un po’ sopra le righe. Penso sia un’idea romanzata di come avrebbe voluto essere. Le sue esperienze sono molto diverse da Philip Rawlings, direi che è molto più divertente.’‘

Stephen Ventura, che interpreta il direttore d’albergo, ritiene che la rappresentazione abbia un significato particolare oggi, per come descrive la guerra e la sofferenza dei civili.

“Dobbiamo ricordare – sottolinea Ventura – che l’Europa attraversava una grande crisi, c’era molta instabilità, i governi non riuscivano a prendere decisioni, i rifugiati si riversavano in tutta Europa fuggendo da una guerra civile, da un governo oppressore. Tutto suona familiare e pertinente.”

“La quinta colonna” è in scena alla Southwark Playhouse di Londra fino al 15 aprile.