ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La tragedia dei Tatari all'Eurovisione

Jamala, cantante d’origine tatara, rappresenterà l’Ucraina al concorso dell’eurovisione di quest’anno (2016). Con la sua canzone ‘1944’ dedicata

Lettura in corso:

La tragedia dei Tatari all'Eurovisione

Dimensioni di testo Aa Aa

Jamala, cantante d’origine tatara, rappresenterà l’Ucraina al concorso dell’eurovisione di quest’anno (2016).
Con la sua canzone ‘1944’ dedicata alla tragedia del suo popolo sotto Stalin, ha ottenuto il massimo punteggio tra i sei finalisti.
32 anni, cantautrice, è una star del jazz in Ucraina:

“Sono stanca ma così felice. Sono certa di poter dire cose sull’Ucraina che l’Europa non conosce”.

Bisogna vedere se la scelta ucraina non infranga le regole della competizione canora europea che vieta di trattare argomenti politici e religiosi. Nel 2009, il brano del gruppo georgiano Stephane & 3G “We don’t want put in”, con evidente riferimento a Putin, venne squalificato.

Nel 2014 la candidata transessuale Conchita Wurst, che vinse quell’edizione, fu boicottata da Russia, Bielorussia e Armenia che fecero circolare una petizione per impedirle di partecipare.

L’anno scorso invece il brano del gruppo ungherese Boggie “Guerra per niente” colpì nel vivo l’orgoglio di Israele che chiese il ritiro della frase “Gaza, 1/3 delle vittime erano civili” in riferimento all’operazione “Margine di protezione”.

1.28 sot Ruslana, judge and Eurovision 2004 winner:

Ruslana, una dei giudici ucraini, che hanno promosso la canzone di Jamala:

“Questo brano ha un’idea che andrà in Europa. È importante tenerne conto.
È molto importante per l’Ucraina ma non solo, per questo ho dato il massimo punteggio a Jamala”.

La finale del festival della canzone europea si terrà in maggio a Stoccolma.