ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"Intifada dei coltelli": Abbas contro i gruppi radicali palestinesi

In Cisgiordania è senza sosta la cosiddetta “Intifada dei coltelli” e il presidente dell’Autorità palestinese punta il dito contro i gruppi radicali

Lettura in corso:

"Intifada dei coltelli": Abbas contro i gruppi radicali palestinesi

Dimensioni di testo Aa Aa

In Cisgiordania è senza sosta la cosiddetta “Intifada dei coltelli” e il presidente dell’Autorità palestinese punta il dito contro i gruppi radicali palestinesi. Per Mahmoud Abbas spingono i giovani ad attaccare le forze di sicurezza israeliane.

Chi si macchia di tali violenze ostacola il percorso di pace: è questo il senso del messaggio che ha inviato Mahmoud Abbas nel corso di una conferenza stampa a Ramallah: “Chi vuole agire contro la sicurezza utilizzando esplosioni, armi o creando delle cellule di militanti in qualsiasi luogo sarà arrestato. Sono state adottate delle misure di sicurezza seguendo i miei ordini”, ha detto il presidente dell’Autorità palestinese.

L’ultimo tentativo di accoltellamento c‘è stato sabato all’ingresso di un insediamento in Cisgiordania. Una ragazzina palestinese di 13 anni ha tentato di colpire una guardia di sicurezza israeliana che ha aperto il fuoco uccidendola. In quattro mesi di violenze ci sono state 25 vittime israeliane e 147 palestinesi.