ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Turchia: la politica altalenante dell'esecutivo verso i curdi

Discutere con i curdi a livello internazionale, ma rifiutare il confronto a livello nazionale. Almeno per ora. Sembra questa la tattica

Lettura in corso:

Turchia: la politica altalenante dell'esecutivo verso i curdi

Dimensioni di testo Aa Aa

Discutere con i curdi a livello internazionale, ma rifiutare il confronto a livello nazionale. Almeno per ora. Sembra questa la tattica dell’esecutivo turco del premier Davutoglu che ha ricevuto Necirman Barzani, omologo del kurdistan iracheno.

Questo dopo che il leader del partito procurdo Selahattin Demirtas, aveva criticato la decisione di Ankara di abbattere, settimane fa, l’aereo russo al confine siriano. Affermazione bollata come tradimento da Davutoglu che ha cancellato ogni incontro.

Ankara ha anche difficili rapporti con Baghdad dopo aver dispiegato truppe nel kurdistan iracheno.

Senza dimenticare che la Turchia sta bombardando i campi del PKK curdo nel sudest del proprio territorio.

Contro il la plitica considerata anticurda della Turchia, si è tenuta una manifestazione a Düsseldorf, in Germania con circa 10.000 persone presenti, secondo le autorità. La Germania ha fra le più grosse comunità turche e curde sul suo territorio.

Chiesta la solidarietà internazionale anche se gli interventi, esclusivamente in turco e curdo, hanno reso un po’ complicata la partecipazione delle migliaia di simpatizzanti tedeschi presenti.