ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Spagna: gli elettori indecisi, ago della bilancia

A pochi giorni dal voto in Spagna, i candidati giocano le loro ultime carte per convincere gli elettori. La partita non è più a 2, ma a 4, con le

Lettura in corso:

Spagna: gli elettori indecisi, ago della bilancia

Dimensioni di testo Aa Aa

A pochi giorni dal voto in Spagna, i candidati giocano le loro ultime carte per convincere gli elettori. La partita non è più a 2, ma a 4, con le formazioni recenti(Podemos e Ciudadanos) che hanno trovato spazio accanto a quelle tradizionali (Popolari e Socialisti).

Gli indecisi sono ancora molti. Per questo gli esperti ritengono che negli ultimi giorni di campagna ogni sviluppo imprevisto o passo falso dei candidati potrebbe avere un impatto decisivo sull’esito del voto.

“Tutti cercano i voti degli indecisi” dichiara Ramon Cotarelo, docente di Scienze Politiche all’UNED, “ma probabilmente tra i potenziali elettori del Partito Popolare ci sono meno indecisi che tra quelli del PSOE, quindi il fenomeno colpisce soprattutto i socialisti e interessa anche Podemos perché questa è la loro occasione per vincere.”

Il voto sancirà la fine del bipolarismo e confermerà la presenza delle nuove formazioni, emerse in risposta alla disaffezione di molti per la politica. Ma anche l’astensionismo potrebbe giocare un ruolo rilevante.

“Mi sento ingannato dalla politica” ammette Antonio Sanchez, un abitante di Mdrid, “e ora sono indeciso tra due partiti, ma siccome c‘è stata tanta corruzione, non so nemmeno se andrò a votare.”

“La verità è che non lo so”, gli fa eco Raquel Bernal, una studentessa. “Sono molto incerta, credo che aspetterò fino all’ultimo momento”.

Con un tasso di indecisi elevatissimo (forse un terzo degli elettori), l’esito è imprevedibile. I sondaggi pubblicati fino a poche ore fa, e vietati nei 5 giorni prima del voto, concordano solo nel dire che chiunque vinca non potrà governare da solo.