ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Clima: la Cina, in emergenza inquinamento

La Cina affronta la Conferenza Mondiale sul Clima con un atteggiamento più propositivo rispetto al passato, spinta anche da un’opinione pubblica

Lettura in corso:

Clima: la Cina, in emergenza inquinamento

Dimensioni di testo Aa Aa

La Cina affronta la Conferenza Mondiale sul Clima con un atteggiamento più propositivo rispetto al passato, spinta anche da un’opinione pubblica sempre più consapevole dei danni prodotti dalle emissioni a effetto serra.
E proprio in coincidenza con l’apertura della Conferenza, a Pechino è allerta inquinamento. Per il terzo giorno consecutivo gli abitanti sono stati invitati a chiudersi in casa. Chi esce, lo fa a proprio rischio e pericolo:

“Con questo tipo di tempo, lo vedete… tutta Pechino è avvolta da una cappa di smog. E per ogni respiro, ogni mattina alzandosi, la gola non reagisce bene, qualche volta è irritata, e fai fatica a respirare”.

Le autorità tendono a non divulgare i dati, ma le misurazioni effettuate dall’ambasciata statunitense a Pechino per le polveri sottili parlano di 391 particelle per metro cubo, oltre quindici volte il limite stabilito dall’OMS, 25.

Situazione non molto dissimile a Shanghai:
“Dà problemi ai polmoni – conferma questa giovane madre – quando lo smog è pesante mia figlia tossisce e fatica a respirare”.

Con l’arrivo dell’inverno sono stati accesi gli impianti di riscaldamento, che funzionano per la gran parte a carbone. In generale il carbone pesa per l’80% sul consumo energetico della Cina, primo Paese nella classifica dei responsabili dell’inquinamento. La classifica pro capite è invece guidata dall’Australia.