ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Francia, processo contro Le Pen: la procura chiede il proscioglimento

Si è chiusa con una proposta di proscioglimento da parte della Procura, l’udienza di apertura del processo in Francia per Marine Le Pen. La leader

Lettura in corso:

Francia, processo contro Le Pen: la procura chiede il proscioglimento

Dimensioni di testo Aa Aa

Si è chiusa con una proposta di proscioglimento da parte della Procura, l’udienza di apertura del processo in Francia per Marine Le Pen. La leader del Front National è accusata di istigazione all’odio razziale. Le Pen nel 2010 durante un comizio per le primarie aveva paragonato le preghiere musulmane nelle strade all’occupazione nazista della Francia durante la II Guerra Mondiale.

“Le preghiere nelle strade sono illegali. Si tratta di una maniera di occupare il territorio per imporre una fede regiliosa e questo è contro la legge della Repubblica, contro la laicità.”

La leader del Front National ha gridato alla “Persecuzione giudiziaria”. La sentenza è attesa il 15 dicembre. Per il procuratore Bernard Reynau ha solo “esercitato la sua libertà di espressione”. Quattro associazioni avevano sporto denuncia.

“Quando Marine Le Pen paragona le preghiere nelle strade all’occupazione tedesca sta incitando all’odio. Il Front National istiga alla vendetta i musulmani con i suoi metodi abituali, agitando i fantasmi, cavalcando le paure, sventolando il drappo rosso dell’integralismo e questo avrà ripercussioni sull’intera comunità musulmana”, spiega abrina Goldman, avvocato di LICRA (Lega Internazionale contro il razzismo e l’antisemitismo).

“Marine Le Pen ha fatto giusto una comparsa. Breve ma sufficiente per esprimere il suo punto di vista e soprattutto occupare il palcoscenico mediatico a sei settimane dalle elezioni regionali. Per lei i sondaggi in vista del vosto sono abbastanza favorevoli”, spiega l’inviato di euronews, Olivier Péguy.