ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Grecia, entrano nel vivo i lavori per il terzo piano di salvataggio

Sotto rigide misure di sicurezza sono entrate nel vivo le trattative per un terzo piano di salvataggio della Grecia. Ad Atene un faccia a faccia

Lettura in corso:

Grecia, entrano nel vivo i lavori per il terzo piano di salvataggio

Dimensioni di testo Aa Aa

Sotto rigide misure di sicurezza sono entrate nel vivo le trattative per un terzo piano di salvataggio della Grecia. Ad Atene un faccia a faccia serrato tra iI team di tecnici della troika dei creditori internazionali, ovvero Commissione europea, Banca centrale (Bce) e FMI e il ministro delle Finanze Euclides Tsakalotos.

Si discute nel massimo riserbo: “Noi siamo il gruppo di sostegno alla squadra che conduce i negoziati . Stiamo seguendo gli sviluppi, e cercheremo di dare tutte le informazioni necessarie sull’andamento dei lavori”, fa notare dice il vice ministro delle Finanze Dimitris Mardas.

Secondo fonti ben informate i creditori attendono altre riforme per consentire un veloce esborso del prestito da 86 miliardi di euro. Riforme all’insegna di tagli e ulteriori tasse, dunque una maggiore austerità alla qualche i greci hanno votato contro.

“La gente ha votato no al referendum perché è stanca della povertà e della fame. Non ha votato “no” per altri motivi.Sfortunatamente il governo ha trasformato il “no” in un “sì”, dice un pensionato. “Al momento non abbiamo una persona che sia davvero in grado di governare. Forse se ci fossero ancora alcuni politici del passato la situazione sarebbe diversa. Non c‘è nessuno in grado di tenere tutto sotto controllo”, racconta un italiano che vive ad Atene da molti anni.

I negoziati entreranno nel vivo solo nel fine ettimana con Bruxelles che spera di ottenere risultati entro la seconda metà di agosto.