ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Euronews in Ciad, sulla linea del fronte dove si combatte Boko Haram

Il mondo non ha dimenticato le 219 ragazze rapite da Boko Haram un anno fa a Chibok in Nigeria. Per ricordarlo nel paese si è tenuta una protesta

Lettura in corso:

Euronews in Ciad, sulla linea del fronte dove si combatte Boko Haram

Dimensioni di testo Aa Aa

Il mondo non ha dimenticato le 219 ragazze rapite da Boko Haram un anno fa a Chibok in Nigeria. Per ricordarlo nel paese si è tenuta una protesta silenziosa.

Le ragazze furono prelevate da scuola. S’ignora la loro sorte. I jihadisti avevano detto che erano state costrette a sposare dei combattenti, ma si teme che molte di loro siano state uccise.

“Ridateci le nostre ragazze, vive”. Dice un’attivista. “Se azzittite qualcuno questa persona non esiste. Ma queste ragazze esistono”.

Il sequestro delle liceali, poi mostrate in un video dei Boko Haram, ebbe vastissima eco internazionale, ma da allora delle ragazze non si è saputo più nulla. Oltre 2000 sarebbero le donne rapite dal gruppo integralista dall’inizio dell’anno.

Euronews ha seguito i militari che si battono contro Boko Haram in Ciad. Nella regione è catastrofe umanitaria. Secondo l’Unicef circa 800 mila bambini sono stati costretti ad abbandonare le loro case per il conflitto nel nnord-est della Nigeria fra Boko Haram, le forze militari e i
gruppi di autodifesa civile.

Dalle 20,35 ora centrale europea, il nostro speciale sulla guerra che sta devastando l’Africa e sul tentativo dei governi locali di estirpare la piaga del terrorismo jihadista nella regione.

Il nostro inviato Luis Carballo è stato nel Ciad al seguito delle truppe che combattono una delle organizzazioni jihadiste più barbare e spietate del mondo: il gruppo nigeriano Boko Haram. Non perdete il suo reportage in esclusiva su euronews martedì 14 aprile alle 20:35 (CET). È possibile vederlo anche sul sito euronews.com a partire dalle ore 21.00 sempre martedì.

Posted by euronews on lundi 13 avril 2015