ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Champions League: il PSG alla prova Barcellona, il Porto tenta lo sgambetto al Bayern

L’andata dei quarti di Champions League prosegue mercoledi’ sera, con uno degli incontri piu’ interessanti in programma in questa fase. Al Parco dei

Lettura in corso:

Champions League: il PSG alla prova Barcellona, il Porto tenta lo sgambetto al Bayern

Dimensioni di testo Aa Aa

L’andata dei quarti di Champions League prosegue mercoledi’ sera, con uno degli incontri piu’ interessanti in programma in questa fase. Al Parco dei Principi andrà in scena Paris Saint Germain-Barcellona, il terzo scontro tra le due squadre in questa stagione, finora con una vittoria per parte. I transalpini vogliono la loro seconda semifinale della storia, anche se Laurent Blanc teme e non poco i blaugrana.

“La loro filosofia è sempre la stessa: cercano di portare l’avversario in difesa, pressando alto, cercano di stancarlo con il tiki-taka”, spiega il tecnico francese. “Il paradosso contro il Barcellona è che anche quando hai la palla, a un certo punto ti sfiniscono talmente tanto che ti portano a giocare in difesa”.

Se tra le fila parigine mancheranno dei pilastri come Verratti e Ibrahimovic, a Luis Enrique va molto meglio, con il solo Dani Alves indisponibile. Il Barça, ai quarti per l’ottava volta consecutiva, vuole quella semifinale mancata la scorsa stagione a causa dell’Atletico Madrid. E il mezzo passo falso di Siviglia in Liga, non ha certo spento gli animi blaugrana.

L’altro incontro della serata si disputerà all’Estádio do Dragão tra Porto e Bayern Monaco. I padroni di casa, che dovranno fare a meno di Tello e probabilmente anche di Jackson Martínez, non hanno nulla da perdere e cercheranno di sfruttare il fattore campo, per arrivare piu’ tranquilli al ritorno nella tana del lupo.

I campioni di Germania in carica sulla carta partiranno da favoriti, anche se Pep Guardiola dovrà far fronte a delle assenze pesantissime. Il tecnico spagnolo non potrà infatti schierare Javi Martínez, Benatia, Alaba, Robben, Schweinsteiger e Ribéry. La sfida potrebbe essere quindi piu’ aperta di quanto sembra.