ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Presidenziali Usa 2016, Hillary ufficializza la candidatura

L'annuncio arriva con un vero e proprio spot: "voglio essere il campione degli americani".

Lettura in corso:

Presidenziali Usa 2016, Hillary ufficializza la candidatura

Dimensioni di testo Aa Aa

Ci si aspettava un annuncio, è arrivato qualcosa di più: Hillary Clinton inizia il suo tentativo di scalata alla Casa Bianca con un vero e proprio spot elettorale, a campagna per le primarie nemmeno iniziata.

Conferma del fatto che l’ex segretario di Stato non doveva sciogliere una riserva, ma aveva già cominciato a lavorare alla sua candidatura.

Che ha tra gli sponsor l’attuale presidente:

“Penso che sarebbe un eccellente presidente. E non sono in competizione, quindi non voglio rubarle la scena. Sono sicuro che esprimerà molto chiaramente la sua visione per far avanzare il Paese”.

In effetti il filmato diffuso su youtube è già in qualche modo un manifesto programmatico, per il nuovo tentativo della ex first lady, che nel 2008 perse le primarie proprio con Barack Obama.

La sensazione iniziale è che la Clinton, questa volta, corra con una consapevolezza del tutto nuova. Lo fa pensare il suo spot “tipicamente americano”, ma con accenti marcatamente progressisti. Prima vengono mostrate una serie di persone intente a iniziare qualcosa, dal lavoro di primavera in giardino all’avvio di un’attività da parte di due ispanoamericani.

Poi arriva la voce di Hillary che annuncia di stare, a sua volta, per iniziare qualcosa “mi sto preparando a fare qualcosa. Correrò per diventare presidente”.

E il pensiero va immediatamente alle famiglie, perché “quando sono forti, l’America è forte”. Ma non sono necessariamente quelle della tradizione: le immagini non mostrano solo mescolanze di razze, ma anche mamme sole con i loro figli e una coppia formata da due donne.

Gli uomini non mancano, ma l’elemento femminile è nettamente predominante.

“Ogni giorno gli americani hanno bisogno di un campione, e io voglio essere quel campione” chiude la neocandidata, che ha anche già approntato il sito dove si può aderire alla campagna come volontari e con donazioni.

Il suo stratega sarà Robby Mook, che si è già focalizzato sul concetto di fare squadra: “questa campagna non riguarda Hillary Clinton e non riguarda noi – ha scritto – ma riguarda gli americani comuni che tentano di costruire una vita migliore per loro stessi e per le loro famiglie”. Esattamente quello che il primo video della campagna tenta di mettere in mostra.

Barra puntata su Iowa e New Hampshire, primi Stati dove si voterà.