ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vincere Ebola: l'Africa Occidentale chiede un piano Marshall per rilanciare sanità ed economia

Un piano Marshall per vincere Ebola, lo hanno chiesto i tre paesi piu’ colpiti dall’epidemia, Guinea, Sierra Leone e Liberia, durante una conferenza

Lettura in corso:

Vincere Ebola: l'Africa Occidentale chiede un piano Marshall per rilanciare sanità ed economia

Dimensioni di testo Aa Aa

Un piano Marshall per vincere Ebola, lo hanno chiesto i tre paesi piu’ colpiti dall’epidemia, Guinea, Sierra Leone e Liberia, durante una conferenza internazionale a Bruxelles. L’obiettivo: ricostruire i sistemi sanitari messi in ginocchio dalla violenza della malattia e rilanciare l’economia locale che ha perso il 12% del Pil.

Spiega il Presidente della Guinea Alpha Condé: “Le nostre economie hanno subito conseguenze molto gravi. E vogliamo che la banca mondiale costituisca un gruppo di consulenti per riunire il maggior numero di donatori in un fondo fiduciario, cosi’ che partendo dalla Banca mondiale e dall’Unione europea sia possibile dare nuovo slancio all’economia. Abbiamo due rivendicazioni: la cancellazione del debito e una sorta do Piano Marshall per i tre paesi”

Il Presidente della Repubblica del Congo, Denis Sassou Nguesso ha sottolineato i problemi di instabilità: “Oltre all’epidemia di Ebola i nostri paesi devono affrontare anche la crisi della sicurezza, la situazione in Mali, Boko Haram in Nigeria, e sullo sfondo la difficile situazione politica, economica, e di sicurezza nella Repubblica Centrafricana”

Il virus ha già ucciso oltre 9.000 persone e circa 23.000 persone sono contagiate, i nuovi casi sono in calo ma ora si punta sui vaccini. La sperimentazione è già avviata in Liberia, partirà presto anche in Sierra Leone e Guinea, grazie all’impegno della Croce rossa.

Mohammed Elhadj As Sy, Segretario generale della Federazione internazionale della Croce Rossa e della Mezzaluna rossa: “Ci dobbiamo assicurare che tutte le comunità capiscano di cosa si tratta questa sperimentazione, che si rispettino gli standard etici e che queste sperimentazioni non conducano incomprensioni o tensioni”

Conclude la nostra corrispondente Isabel Marques da Silva:“In questa conferenza non si è discusso in modo specifico di come raccogliere piu’ fondo per combattere la malattia. Se ne parlerà in una riunione della Banca Mondiale ad Aprile e in una Conferenza delle Nazioni unite prima dell’estate” .