ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

State of the Union: Obama, mai cosi' forti le relazioni con l'Europa

Lettura in corso:

State of the Union: Obama, mai cosi' forti le relazioni con l'Europa

Dimensioni di testo Aa Aa

Quale lezione di politica estera possiamo trarre dal discorso sullo Stato dell’Unione di Barak Obama? Ne parliamo con Ian Lesser, direttore degli studi sulla sicurezza e la politica estera del German Marshall Fund degli Stati Uniti .

James Franey: In questo discorso mi è sembrato che ci fosse poca attenzione alla politica estera, e che si concentrasse molto sulle questioni interne. Perché?

Ian Lesser: “Capisco che all’estero quando si ascolta questo discorso ci si aspetti di sentir parlare del mondo ma in realtà i discorsi sullo Stato dell’Unione tendono a concentrarsi sulle questioni di politica interna, che si tratti di sanità, o di economia o imigrazione, e naturalmente Obama ha parlato di tutti questi temi. Ma non lo considerei per questo un discorso isolazionista”.

James Franey: C’era qualcosa altro nel discorso di Obama che ho trovato interessante, che mi ha sorpreso un po ‘. “La nostra alleanza con l’Europa é più forte ora di quanto lo sia mai stata” ha detto. Si è tanto parlato di riequilbrare una relazione sbilanciata verso l’Asia, ma nel frattempo c‘è stato anche lo scandalo Snowden ….

Ian Lesser: “La questione della fiducia e la necessità di rassicurare gli europei e gli americani sulla solidità del rapporto tra le due sponde dell’Atlantico, penso siano lo sfondo, il contensto di quella frase e penso che l’amministrazione Obama ci creda veramente. Lasciando da parte le differenze su Guatananmo o sulla sorveglianza della Agenzia Nazionale per la sicurezza americana, c‘è un nucleo di interessi comuni, molto molto forti. Non c‘è solo la cooperazione diplomatica e la sicurezza , si tratta anche del commercio e degli investimenti.
Ora, se si considerano i rischi in Asia , e la questione del riposizionamento, è davvero tutto legato alle questioni militari e alle preoccupazioni a lungo termine sulla competizione strategica con la Cina. Per fortuna non abbiamo questo tipo di problemi tra le due sponde dell’Atlantico. Quindi penso che il presidente abbia fatto bene a sottolineare la solidità del rapporto tra Stati Uniti ed Europa”.

James Franey: “Ora Obama sarà a Bruxelles per un vertice tra Unione europea e Stati Uniti alla fine di marzo. Che cosa ci si deve aspettare da questo vertice?”

Ian Lesser: “Credo che sarà un vertice concentrato sul commercio, e sulla crescita. Penso che si parlerà di come affrontare- attraverso le nostre politiche pubbliche – il problema delle differenze di reddito. Se ne è parlato molto in questo discorso. Al summit con l’Europa si parlerà sicuramente di Iran e probabilmente del processo di pace in Medio Oriente. Vedremo cosa ci sarà in agenda. Non escludo che si parli della Nato perché avremo in autunno un vertice della Nato e molti paesi membri si stanno già preparando”.

James Franey: “Allora forse si parlerà anche di quanto gli europei debbano spendere di piu’ per la difesa- E’ una questione che ritorna spesso”.

Ian Lesser: “Si è una questione frequente. In realtà, credo che Obama non faccia bene a parlarne, ma è una richiesta frequente per gli stati uniti e per il congresso, ottenere che l’Europa faccia di piu’ nella spesa per la difesa, che condivida gli oneri. Non è mai un messaggio apprezzato, ma richiede probabilmente discussioni approfondite, soprattutto perché ci stiamo ritirando tutti dall’Afghanistan”