ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Offrire una seconda opportunità alle PMI

Lettura in corso:

Offrire una seconda opportunità alle PMI

Dimensioni di testo Aa Aa

Serge Rombi, euronews:
“In Europa oggi solo un’impresa su due dura oltre cinque anni. Il 90 per cento dei fallimenti è legato a problemi di liquidità, dovuti a ritardi nei pagamenti. Quali sono i segnali d’allarme? Come evitare la bancarotta? Un esempio positivo a Aarhus in Danimarca.”

Questa mattina, Allan, dirigente di un’impresa edile, incontra Niels, colui che lo ha salvato dalla bancarotta. Allan ha 25 dipendenti, ha realizzato un fatturato annuale di sei milioni di euro.

Ma una anno fa la sua azienda era sull’orlo del fallimento. Niels, uno dei volontari della fondazione governativa danese “Early Warning” lo ha aiutato a negoziare e a comunicare meglio con i suoi creditori, e a perfezionarsi come manager.

“Niels mi ha permesso di concentrarmi su ciò che è importante”, spiega Allan Kempel. “Ad esempio, è molto più utile che io lavori nella sede della mia impresa piuttosto che stare sempre nei cantieri”.

“Pianificare è la chiave dell’edilizia”, dice Niels Otto Andersen. “E anche negoziare con gli appaltatori, riuscire a ottenere il prezzo migliore. In questo modo valorizza la sua impresa”.

Allan e Niels si incontrano una volta al mese e continueranno a collaborare per un altro anno. Oggi l’impresa va molto meglio, anche se il lavoro non è del tutto finito.

“Mi sento molto meglio”, afferma Allan Kempel. “E’ legato al fatto che non ho più problemi con la banca. Mi sento davvero più sereno

“Direi che l’impresa al 75 per cento si è lasciata alle spalle il brutto periodo”, dice Niels Otto Andersen. “Ora devono assicurarsi di ripristinare il capitale sociale. Solo quando ciò accadrà, allora potranno dire di essere completamente al sicuro”.

Early Warning lavora attraverso un centinaio di volontari in Danimarca, aiutando 700 imprenditori all’anno. Obiettivo: evitare il fallimento, ma anche permettere a chi ha fatto bancarotta di ridurre i danni.

“Gli imprenditori che aiutiamo sono persone oneste, che si battono a volte da fin troppo tempo per sopravvivere”, spiega Svend Roege, capo progetto di Early Warning. “Ma noi ci auguriamo di veder prevalere un approccio molto più all’americana, che non biasima chi fallisce”.

“Per me le chiavi del successo sono: essere un buon manager, avere conti in ordine, e farsi consigliare bene”, dice Allan Kempel.