Anticiclone africano per almeno 10 giorni, caldo e siccità

Access to the comments Commenti
Di ANSA
Colpirà prima l'Europa occidentale, poi l'Italia
Colpirà prima l'Europa occidentale, poi l'Italia

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">ROMA</span>, 14 <span class="caps">LUG</span> – Arriva un nuova ondata di afa<br /> nordafricana, l’ennesima di una stagione rovente iniziata il 10<br /> Maggio. L’Italia sarà inizialmente sfiorata da questa massa<br /> d’aria che si dirigerà prima verso Spagna, Francia e Germania,<br /> che registreranno temperature anche di 16 gradi sopra la media<br /> stagionale. La prossima settimana, invece, per la penisola<br /> potrebbe essere peggiore, con valori alti in estensione alle<br /> regioni centrali. Non sono previste piogge nei prossimi 10<br /> giorni in Europa. Lo spiega Andrea Garbinato, Responsabile<br /> Redazione del sito www.iLMeteo.it, “La rimonta nordafricana di questi giorni sarà probabilmente<br /> una delle più intense della storia a livello europeo – osserva<br /> il metereologo – Le giornate peggiori saranno martedì 19 e<br /> mercoledì 20 Luglio con scarti rispetto ai valori medi climatici<br /> di +16°C tra Francia e Germania, e +12°C anche in Inghilterra,<br /> Olanda e Belgio. Non sono previste piogge nei prossimi 10 giorni<br /> in Europa, se non in Scandinavia e localmente tra Austria e<br /> Slovenia”. Riguardo l’Italia, aggiunge, già domani si<br /> toccheranno nuovamente i 37-38°C in Pianura Padana. Nel nostro Paese, potrebbe essere peggiore “la prossima<br /> settimana con valori ancora più alti ed in estensione alle<br /> regioni centrali. Al Sud vivremo una fase calda, ma non<br /> eccezionale.<br /> L’Italia potrebbe essere raggiunta da temperature circa 14 gradi<br /> più elevate rispetto al clima di luglio: un rapido calcolo ci<br /> porta a prevedere, rispetto ai 28/29°C di media in Val Padana,<br /> punte di 42/43°C a metà della prossima settimana. La mappa<br /> meteorologica più estrema mostra lo zero termico a 5.200 metri – conclude l’esperto – in questo caso non avremo temperature<br /> sottozero in nessuna zona del nostro Paese, ci attendiamo<br /> nuovamente massime record fino a 10°C anche sul Monte Bianco<br /> come avvenuto un mese fa, a metà giugno”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.