This content is not available in your region

Alimentazione, la crisi del grano causata della guerra dà problemi ovunque

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Screengrab
Screengrab   -   Diritti d'autore  from AA video   -  

La guerra continua, ma gli abitanti dei villaggi vicini alle linee del fronte nell'est dell'Ucraina non abbandonano i loro campi di grano, nonostante il rischio di attacchi.

Mentre il governo cerca, con altri Paesi, soluzioni alternative per trasportare verso l'Europa i milioni di tonnellate di cereali stoccati nel porto di Odessa, gli agricoltori locali cercano nuove soluzioni per commercializzare i prodotti rimasti nelle aziende.

"Vorremmo organizzarci per trovare uno specialista di logistica che ci aiuti - dice Maksim ucraino , uno di loro - oppure per mettere insieme più piccole aziende agricole e acquistare i mezzi di trasporto per poter trasportare le nostre produzioni".

Anche il ministro del Commercio libanese, Emin Selam, non nasconde che c'è crisi di grano nel proprio Paese, ma che il problema deriva dalle scorte del settore privato.

from AFP video
Screengrabfrom AFP video

"Dopo la crisi Russia-Ucraina - dice il ministro - il Libano continua a importare grano da diversi Paesi e attualmente ne abbiamo circa 40mila tonnellate.

Tuttavia, il problema principale è che il silo di proprietà dello Stato per il grano è stato distrutto a causa dell'esplosione del porto di Beirut: ora siamo in coordinamento con la Banca mondiale, l'Ucraina e altri Paesi".

Il Libano, che può produrre solo il 10% del suo fabbisogno di grano dai campi agricoli che coltiva, è quasi completamente dipendente dal grano estero.

"Non possiamo negare che ci sia un problema tra Russia e Ucraina - dice un panettiere libanese - che ha avuto un effetto sul Libano e sul resto del mondo, ma il problema principale qui è il dollaro.

In Libano non abbiamo dollari, se hai i dollari puoi risolvere tutto".

La guerra in corso ha causato un aumento dei prezzi del pane in Libano, Libia e Egitto, mentre le preoccupazioni per la sicurezza alimentare continuano a lasciare il segno nel Paese.