Ucraina: arresto cardiaco ad arrivo in Italia, Irina salvata

Access to the comments Commenti
Di ANSA
A Trieste, sospesa memoria ma non il terrore delle bombe
A Trieste, sospesa memoria ma non il terrore delle bombe

<p>(<span class="caps">ANSA</span>) – <span class="caps">TRIESTE</span>, 30 <span class="caps">MAR</span> – E’ giunta in Italia, a Trieste,<br /> insieme con il piccolo figlio, dopo cinque giorni di viaggio in<br /> fuga dalle bombe di Kryvyj Rih, città meridionale dell’Ucraina,<br /> attraverso la Polonia, per raggiungere la madre, ma appena la<br /> incontra perde coscienza, cade e va in arresto cardiaco. Portata<br /> all’ospedale di Cattinara, Irina, la protagonista di questa<br /> storia, è stata salvata dopo intensive cure. Per il momento la<br /> memoria di quanto le è accaduto è sospesa, è invece vivo il<br /> terrore delle bombe e della città assediata e la sua piccola<br /> attività commerciale abbandonata. E’ la storia raccontata dal Direttore del Dipartimento<br /> Cardiotoracovascolare, <span class="caps">ASUGI</span> ed Università di Trieste,<br /> Gianfranco Sinagra, nel cui Dipartimento è stata curata la<br /> giovane dopo Pronto soccorso e Cardiochirurgia, prima che Irina<br /> fosse dimessa. Lei ora ha espresso la volontà di studiare<br /> l’italiano e trovare un lavoro e ha lasciato un messaggio: “Sono<br /> viva per miracolo ed i miei angeli custodi sono i medici di<br /> questo ospedale. Grazie”. (<span class="caps">ANSA</span>).</p>

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.