This content is not available in your region

Berlino pirotecnica per dire "Nessun muro più"

Access to the comments Commenti
Di Stefania De Michele
Berlino pirotecnica per dire "Nessun muro più"
Diritti d'autore  Reuters   -  

È "il destino che bussa alla porta", rappresentato dal motivo iniziale della V Sinfonia, come lo stesso Beethoven ebbe a spiegare, a vibrare nella notte berlinese dedicata al trentennale della caduta del Muro. Alla porta di Brandeburgo, con le colonne sormontate dalla quadriga simbolo della città a fare da scenario, l'orchestra di Berlino ha anticipato, in musica, le parole del presidente tedesco, Frank-Walter Steinmeier.

"Sono sorti nuovi muri in tutto il nostro Paese. Muri di frustrazione, muri di rabbia e di odio, muri di assenza di dialogo e di alienazione. Muri che - aggiunge Steinmeier - sono invisibili, ma ancora dividono, che ostacolano la nostra coesione e che stiamo vedendo".

9 novembre di luci e ombre, dunque, come aveva sottolineato anche la Cancelliera Angela Merkel. Ma è con le luci dei fuochi di artificio che Berlino ha chiuso la sua giornata di commemorazione: megaschermo sferico e giochi pirotecnici per i 30 anni senza il Muro.

Prima del concerto, le cerimonie al Memoriale e alla Cappella della Riconciliazione

L'allora sindaco di Berlino ovest Willy Brandt l'aveva soprannominato "Muro della vergogna", ma c'è anche chi lo chiamava la "striscia della morte": 155 chilometri di barriera in cemento armato che ha diviso Berlino, e con essa il mondo intero, in due. Adesso, nel trentennale della caduta del Muro, che ha portato alla riunificazione del Paese e ha dato la definitiva spallata all'Unione Sovietica e al mondo diviso in blocchi, la Germania ha commemorato i giorni della 'rivoluzione pacifica' e quelli più drammatici che l'hanno preceduta.

Nel suo intervento alla Cappella della Riconciliazione, la Cancelliera Angela Merkel, per 35 anni cittadina della DDR, fotografa un quadro caravaggesco, di luci e ombre: "Il 9 novembre - dice - riflette i momenti terribili e felici della nostra storia, ci avverte che dobbiamo opporci risolutamente all'odio, al razzismo, all'antisemitismo".

Il 9 novembre ci avverte di fare tutto ciò che possiamo per difendere la libertà e la democrazia, la dignità umana e lo Stato di diritto
Angela Merkel, Cancelliera tedesca

Fare tutto il possibile e sempre: il riferimento diretto di Merkel, nel suo discorso, è anche al pogrom nazista contro gli ebrei nella notte del 9 novembre del '38, l'altra pagina buia della storia tedesca.

La giornata è cominciata alle 9.30 con l'arrivo al palazzo presidenziale dei capi di Stato di Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia, i Paesi del blocco comunista che si è dissolto dopo il 1989. I presidenti hanno visitato il Memoriale del Muro lungo la Bernauer Strasse, la via delle immagini evocative, divenute icone, del poliziotto che salta il filo spinato e dell'anziana calata da una finestra. 1961. Circa 200 persone morirono nel tentativo di fuggire dalla città divisa verso ovest.

Alla cerimonia al Memoriale hanno partecipato autorità istituzionali, associazioni e attivisti per i diritti civili, giovani provenienti da otto diversi Paesi. Presenti a Berlino anche diversi ministri degli Esteri, tra cui Luigi Di Maio, cui è stato riservato un colloquio con il collega tedesco Heiko Maas.