ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

E ora le donne possono guidare anche in Arabia Saudita (se il marito è d'accordo)...

Lettura in corso:

E ora le donne possono guidare anche in Arabia Saudita (se il marito è d'accordo)...

E ora le donne possono guidare anche in Arabia Saudita (se il marito è d'accordo)...
Dimensioni di testo Aa Aa

Donne, al volante!

Svolta epocale in Arabia Saudita: ora anche alle donne è ufficialmente permesso di guidare, dopo che - alla mezzanotte ora locale - è stato revocato un divieto che durava da decenni.

La decisione del principe ereditario, Mohammed bin Salman, risale allo scorso 26 settembre.

L'Arabia Saudita era rimasto l'unico paese al mondo in cui le donne non potevano mettersi al volante e spesso le famiglie dovevano assumere autisti privati per accompagnarle.

"La differenza ora è che quando voglio uscire tutto quello che devo fare è salire sulla mia macchina", racconta questa donna, Nouf Khamis, "e non ho bisogno di aspettare che l'autista, mio marito o mio padre mi accompagnino. È molto più facile adesso, posso salire sulla mia macchina e andare a fare qualsiasi cosa voglia fare".

A dire il vero, pare che non sia proprio cos`ì: le donne potranno prendere la patente solo se il marito - o il padre - è d'accordo...

Nouf Khamis, durante l'intervista.

Questa vera e propria "rivoluzione automobilistica" era stata annunciata a fine settembre dell'anno scorso e l'Arabia Saudita ha iniziato a rilasciare le prime patenti alle donne proprio all'inizio di giugno.

Adesso si prevede un boom di iscrizioni alle scuole guida saudite.

Un corso per donne in una scuola guida saudita.

"Sono felice di vedere le donne del mio paese alla guida", dice un giovane di Riad, Abdllah al-Autawi, "forse potrebbero aver bisogno di usare l'auto, senza dover aspettare i famigliari...è una buona cosa e spero che la gente la accetti".

Già nei prossimi giorni, circa 2.000 donne attendono di ricevere la loro prima patente.

Neopatentate saudite con la loro prima patente.

il cambiamento arriva, tuttavia, in un periodo di giro di vite del governo saudita contro gli attivisti che hanno fatto campagna per il diritto alla guida.