ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Scandalo sessuale al Nobel: salta il Premio per la Letteratura

Lettura in corso:

Scandalo sessuale al Nobel: salta il Premio per la Letteratura

Scandalo sessuale al Nobel: salta il Premio per la Letteratura
Dimensioni di testo Aa Aa

Due scandali, uno sessuale e uno finanziario, travolgono il Premio Nobel.

E l'Accademia svedese del Nobel, in accordo con la Nobel Foundation, ha scelto di non assegnare per il 2018 il Premio Nobel per la Letteratura,

E' la prima volta che accade, dal 1943, dalla Seconda Guerra Mondiale.

Il Premio, in realtà, verrà posticipato all'anno prossimo. Nel 2019, verranno assegnati quindi due Nobel per la Letteratura.

Lo scandalo è scoppiato a novembre, quando il giornale Dagens Nyheter ha pubblicato l'accusa anonima di 18 donne per abusi sessuali nei confronti dell'intellettuale francese Jean-Claude Arnault, strettamente legato all'Accademia e marito di uno dei membri dell'Accademia, la poetessa Katarina Frostenson.

Jean-Claude Arnault in compagnia della moglie

L'uomo, 71 anni, avrebbe addirittura "palpeggiato" la principessa ereditaria di Svezia, Victoria, molto amata dal popolo svedese per il suo impegno nel sociale, in un'evento svoltosi una decina di anni fa proprio all'Accademia.

La Principessa di Svezia, Victoria: è molto amata dagli svedesi.

8 membri su 18 dell'Accademia si sono dimessi.
Lo stesso re Carlo Gustavo di Svezia è intervenuto per chiedere un forte cambiamento nell'attività dell'Accademia svedese del Premio Nobel.

Tra le cause della crisi dell'Accademia anche un indagine su presunte irregolarità finanziarie, in cui sarebbe coinvolto ancora Jean-Claude Arnault.

L'Accademia ha motivato la decisione di annullare, per quest'anno, il Premio Nobel della Letteratura a causa la perdita di "fiducia" e la diminuita reputazione dell'Accademia agli occhi del mondo.

Il segretario provvisorio dell'Accademia svedese, **Anders Olsson, ha parlato di "elevate esigenze per un forte lavoro di cambiamento a lungo termine".

**

Agency/Janerik Henriksson/via REUTERS
Anders OlssonAgency/Janerik Henriksson/via REUTERS