ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Siria, Lavrov: "basta avventurismo occidentale in Medio Oriente"

Lettura in corso:

Siria, Lavrov: "basta avventurismo occidentale in Medio Oriente"

Siria, Lavrov: "basta avventurismo occidentale in Medio Oriente"
Dimensioni di testo Aa Aa

Mentre non è ancora chiaro se Francia e Stati Uniti attaccheranno la Siria, il Cremlino continua a sostenere che il casus belli - l'attacco chimico avvenuto a Douma il 7 aprile - sia in realtà una fabbricazione messa in atto da governi ostili.

Il Ministro degli esteri russo Sergej Lavrov, a tal proposito, ha implicitamente accusato le potenze occidentali della crisi dei rifugiati in Medioriente.

Voglia Dio scongiurare ogni altra iniziativa avventurosa in Siria, dopo quanto è già accaduto in Iraq e Libia

Sergej Lavrov Ministro esteri Russia

"Voglia Dio scongiurare ogni altra iniziativa avventurosa che sarà intrapresa in Siria - ha detto Lavrov - dopo quanto già accaduto in Iraq e Libia. Spero che nessuno si azzardi a prendere nuovamente sottogamba un'avvenutra del genere, perché anche il più piccolo errore di calcolo potrebbe scatenare nuove ondate migratorie verso l'Europa" .

Parole pesanti, se si considera che gran parte dei siriani sono fuggiti, ad oggi, dalle aree bombardate dal regime. Nonostante ciò, a dimostrarsi più realista del re, nel rapporto col Cremlino, è ancora una volta la Germania: appena ieri, proprio mentre Emmanuel Macron affermava di possedere le prove della responsabilità del regime nell'attacco di Douma, la cancelliera Merkel metteva in chiaro come il suo paese - pur condannando fermamente l'uso di armi chimiche - non intendesse partecipare ad un'azione di guerra, che di fatto resta tuttora soltanto un'ipotesi

"La Russia è necessaria per la risoluzione del conflitto siriano" ha ribadito oggi il ministro degli esteri tedesco Heiko Maas. pur dichiarando che la pressione politica sul Cremlino dovrebbe essere accresciuta, per scongiurarne le ricorrenti interferenze in politica estera. "Ed è per questo che abbiamo finora ritenuto che il dialogo con la Russia non possa essere totalmente interrotto".