ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

La grande coalizione tedesca diventa realtà

Lettura in corso:

La grande coalizione tedesca diventa realtà

La grande coalizione tedesca diventa realtà
Dimensioni di testo Aa Aa

In questa edizione:

Germania: il si dei socialdemocratici alla Merkel

Al popolo tedesco, Angela Merkel lo aveva promesso nel suo messaggio di fine anno: “presto avrete un governo stabile”.

Ed è lecito credere che oggi la cancelliera si sia concessa un sospiro di sollievo: perché l’esistenza stessa di un quarto Governo Merkel era apépesa al filo del congresso straordinario in cui, con uno scarto di soli 83 voti, i Socialdemocratici dell’SPD hanno infine deciso di appoggiarla.

“Oggi non si trattava soltanto di entrare in un negoziato di coalizione – ha dichiarato in chiusura il Presidente dei socialdemocratici Martin Schulz -ma piuttosto di decidere finalmente in quale direzione il nostro paese e l’Europa dovranno andare. L’ho detto oggi e lo ripeto: i nostri vicini europei e i nostri amici in tutto il mondo cistanno guardando, qui a Bonn. Se lo vogliamo, in Europa ora possiamo davvero fare la differenza”.

Schulz ha dovuto affrontare forti resistenze all’interno del suo partito; e resta comunque da sentire il parere dei 400mila iscritti che a febbraio dovranno esprimersi in merito a un possibile accordo.

Anche la Merkel, del resto, ha ricordato come i colloqui esplorativi costituiscano solo “la base per un accordo di coalizione. Di certo – ha continuato – ci sono ancora diverse questioni che necessitano di essere affrontate in dettaglio, e richiederanno discussioni approfondite”.

Alla cancelliera in effetti resta ora il difficile compito di conciliare le istanze dei socialdemocratici con quelle dei conservatori di Baviera, profondamente divergenti su questini di primo piano nell’agenda tedesca.

Palestina: il presidente Abbas chiede all’UE di riconoscere il suo Stato

La Palestina chiede un segnale forte dall’Unione europea. In visita a Bruxelles lunedi, il leader palestinese Mahmoud Abbas ha invitato gli Stati membri a riconoscere lo stato della Palestina, secondo i confini del 1967 e Gerusalemme Est come sua capitale.

“Rispettiamo pienamente la posizione dell’Unione europea”, ha affermato durante la conferenza stampa al termine dell’incontro con il capo della diplomazia europea, Federica Mogherini. “Riteniamo veramente che l’Unione europea sia un partner e un amico e chiediamo quindi ai suoi membri di riconoscere rapidamente lo stato della Palestina, confermando che non ci sono contraddizioni tra questo riconoscimento e la ripresa dei negoziati”.

Ma Federica Mgoherini sa che non tutti i paesi sono disposti ad accogliere questo invito e perferisce mantenere la neutralità, ribadendo la posizione ufficiale dell’UE.

“Continuiamo a promuovere la soluzione dei due stati e ci opponiamo alle attività di insediamento che consideriamo illegali, secondo il diritto internazionale”.

Dopo il riconoscimento di Gerusalemme capitale di Israele da parte degli Stati Uniti, i palestinesi sperano di trovare in Bruxelles un garante e un alleato.