ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Formula 1: la Ferrari minaccia di abbandonare il Circus

Addio alla Formula 1. Lo promette l'ad di Ferrari, Sergio Marchionne, in contrasto con le direttive di Liberty Media, la società che ha acquisito il Circus: "No alle macchine tutte uguali. Con queste regole la Ferrari se ne va"

Lettura in corso:

Formula 1: la Ferrari minaccia di abbandonare il Circus

Dimensioni di testo Aa Aa

Quasi una guerra in famiglia per la Ferrari, che minaccia l'addio alla Formula 1. Da una parte l'ad Sergio Marchionne, dall'altra l'ex direttore tecnico del Cavallino Rampante durante l'epopea Schumacher, Ross Brawn, attuale manager director di Liberty Media, la società statunitense che l'anno scorso ha acquisito il Circus della Formula 1.

Sergio Marchionne non fa sconti alla gestione dell'ingegnere britannico che ha contribuito a trasformare la Ferrari nel Dream Team celebrato in tutto il mondo. Al centro della querelle le direttive di Liberty Media che tendono a uniformare i motori, lasciando meno spazio ai costruttori. Soluzioni che garantiscono i nuovi motoristi in arrivo, ma che penalizzano chi (come la Ferrari) ha investito in ricerca e sviluppo sui motori usati oggi.

"Se le regole restano queste, la Ferrari lascerà la Formula 1", ha commentato Marchionne.

Parole chiare, pronunciate in occasione dell'incontro della scuderia con i rappresentanti della stampa italiana e ribadite in occasione della conference call con gli analisti: se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se non si discute diargomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, la Ferrari non ci mette un minuto ad andarsene. E chi non ci crede, ha aggiunto Marchionne, scherza con il fuoco.