ULTIM'ORA

I danni dell'Italia che brucia

Lettura in corso:

I danni dell'Italia che brucia

Dimensioni di testo Aa Aa

L’Italia continua a bruciare. L’ultimo incendio in ordine di tempo lungo la foce del fiume Bradano, in Basilicata che ha costretto i Vigili del Fuoco a far evacuare dei camping pieni di turisti a Metaponto di Bernalda in provincia di Matera. Un uomo di 69 anni di San Pietro in Guarano, invece è morto carbonizzato mentre cercava di spegnere un incendio divampato vicino al proprio terreno, nella frazione San Benedetto in Calabria. Nel sud Italia intensa l’attività delle squadre dei vigili del fuoco, carabinieri e personale del 118. Finora sono un migliaio gli interventi. Impegnati anche 14 Canadair e 21 elicotteri della Flotta aerea dello Stato che hanno ricevuto aiuto anche da parte di colleghi francesi. Solo in Sicilia effettuati 260 interventi. Seguono la Calabria con 176, la Campania con 162, il Lazio con 141 e la Puglia con 110. Sono circa diecimila le utenze telefoniche interrotte e si cominciano a contare i danni. Secondo Legambiente: sono 26.024 gli ettari di superfici boschive persi nelle fiamme, pari al 93,8% della superficie totale bruciata nell’intero anno scorso. Difficile fare una stima, ma già si parla di diversi milioni di euro, il caso di dirlo, andati letteralmente in fumo.