ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al via i negoziati sulla Brexit: buoni propositi e molte incertezze

State of The Union: l'appuntamento settimanale con l'analisi della politica europea da Bruxelles

Lettura in corso:

Al via i negoziati sulla Brexit: buoni propositi e molte incertezze

Dimensioni di testo Aa Aa

La Brexit è stata al centro del vertice europeo.
Theresa May e Emmanuel Macron si sono contesi i titoli dei giornali negli ultimi giorni.
Ma è il presidente francese il nostro personaggio della settimana.
Dopo aver ottenuto un’ampia maggioranza parlamentare in Francia,giovedì e venerdì ha preso parte al suo primo vertice europeo in qualità di leader.
La sua visione sul futuro dell’Unione ha catturato l’attenzione dei media, ma alcuni rimangono scettici.
I negoziati sulla Brexit sono iniziati ufficialmente lunedì.
Ma nonostante le discussioni costruttive restano ancora molti interrogativi e poche risposte.

La regina Elisabetta ha presentato il programma legislativo del suo governo, incentrato soprattutto sull’uscita dall’Unione europea.
Un aspetto confermato, forse, dalla scelta dell’abbigliamento di Sua Maestà.
Molti utenti su Twitter hanno intravisto delle somiglianze tra suo cappello blu a motivi floreali e la bandiera europea.
Il nogoziatore Parlamento europeo, Guy Verhofstadt, ha pubblicato una foto, affermando che l’Unione europea continua ispirare qualcuno nel Regno Unito. E Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, citando John Lennon ha ammesso di sognare che la Gran Bretagna rimanga nell’Unione.

I due negoziatori per la Brexit hanno avuto molto da discutere. Entrambi hanno citato due giganti della storia europea.
Il negoziatore europeo, Michel Barnier, ha evocato lo spirito del padre Jean Monnet, fondatore dell’Unione Europea.
“Non sono nè ottimista o né pessimista”, sono determinato. Ecco qual‘è mio stato d’animo. David Davis non si lasciato sfuggire l’occasione per rispondere e ha incalzato, affermando che secondo Winston Churchill il pessimista è qualcuno vede delle difficoltà in ogni opportunità, mentre l’ottimista intravede opportunità in ogni difficoltà.“Sono quindi un dewterminato ottimista”, ha affermato.

L’ immigrazione è stata la questione scottante che ha diviso l’Unione europea negli ultimi due anni.
La perdurante instabilità politica e i conflitti, sia in Medio Oriente che in Africa, mostrano che la situazione non ha subito miglioramenti.
I deputati hanno discusso del tema questa settimana, in occasione della Giornata mondiale del rifugiato. Un servizio di Isabel Marques Da Silva.

E adesso vediamo l’agenda di questa settimana. Mercoledì a Ginevra verranno riaperti i negoziati di pace sulla questione cipriota,
sbloccano cosi una situazione di stallo che ha minacciato di compromettere due anni di negoziati.
Sabato, presso il Parlamento europeo a Strasburgo, le tre istituzioni europee terranno una cerimonia in omaggio dell’ex cancelliere Helmut Kohl.
È tutto per ora. Grazie per averci seguito e buona settimana.