ULTIM'ORA

Lettura in corso:

UE-Turchia: Erdogan minaccia, apriremo le frontiere


Turchia

UE-Turchia: Erdogan minaccia, apriremo le frontiere

La Turchia minaccia ritorsioni, dopo il voto dell’Europarlamento che chiede di congelare i negoziati con Ankara: ed è dell’arma dei migranti che si serve il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, che in mattinata, nel corso di un intervento a Istanbul, ha minacciato di lasciare che si riversino in Europa le centinaia di migliaia di rifugiati attualmente in Turchia:

“Quando 50.000 migranti hanno raggiunto la località frontaliera di Kapikule, vi siete messi a piangere, vi siete chiesti cosa sarebbe successo se la Turchia avesse aperto i cancelli. Beh, vedete, se questa situazione andrà avanti quei cancelli si apriranno, lo dovreste sapere. Nè io nè questa nazione diamo importanza a minacce vuote”.

La minaccia è quella degli eurodeputati che, a larghissima maggioranza e in protesta contro le repressioni in corso in Turchia, hanno chiesto di congelare i negoziati per l’adesione di Ankara all’Unione europea.

D’altra parte, la stessa Turchia ha definito “insignificante” quel voto, perché la sospensione può esser decretata soilo dalla Commissione. Altra cosa è l’accordo sui migranti, che la Turchia minaccia ora di sospendere o rompere per ritorsione. Accordo sul quale l’Unione europea si dice invece “pienamente impegnata”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Prossimo Articolo

mondo

Colombia: firmato il nuovo accordo con le FARC, si apre una fase piena d'incognite