ULTIM'ORA

Lettura in corso:

La fabbricazione della carta a Samarcanda

postcards

La fabbricazione della carta a Samarcanda

In partnership con

Questa settimana la nostra cartolina è dedicata all’arte della fabbricazione della carta a Samarcanda.
In una piccola fabbrica, la Meros, questa tradizione, vecchia di secoli, sta rinascendo.

La carta fabbricata qui era considerata una delle più pregiate al mondo. Oggi i fratelli Mukhtarov la producono allo stesso modo. A mano.

L’Uzbekistan in breve:

  • - Situato nell’Asia Centrale, confina con il Kazakistan, il Turkmenistan, il Kirghizistan, l’Afghanistan e il Tagikistan
  • - Indipendente dal 1991, questa ex repubblica sovietica ha oltre 30 milioni di abitanti
  • - La superfice totale è di 425.400 km2, costituita quasi interamente di terreno pianeggiante
  • - La temperatura media durante l’inverno è di -6 gradi centigradi. In estate, può salire sopra i 32 gradi
  • - Quasi l’80% della popolazione è di etnia uzbeka e l’88% degli abitanti aderisce alla religione islamica

Seamus Kearney, euronews:
“Qui è dove tutto inizia, i rami degli alberi di gelso vengono messi a bagno per 10 giorni, poi la corteccia viene strappata a mano pronta per essere trasformata in carta grazie a un processo che dura due settimane”.

I visitatori possono osservare tutto il processo di trasformazione.

“Usiamo un macchinario per la triturazione – spiega Romiz Ahrorov, che qui fa da guida – che è stato utilizzato per più di duemila anni. Con questo la corteccia viene trasformata in un composto pastoso”.

Un processo che dà vita a prodotti di altissima qualità.

Prossimo Articolo