ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Moda a Parigi: bonjour tristesse

Lettura in corso:

Moda a Parigi: bonjour tristesse

Dimensioni di testo Aa Aa

Le ragazzacce marciano sull’alto podio: trucco pesante, calze strappate. Ecco cosa propone oggi Saint Laurent a Parigi sotto la guida di Hedi

Le ragazzacce marciano sull’alto podio: trucco pesante, calze strappate. Ecco cosa propone oggi Saint Laurent a Parigi sotto la guida di Hedi Slimane, guru della moda francese che impone al marchio un ribaltone giovanilista senza fine. Va detto che Slimane dirige tutto la Los Angeles, perchè dice che li’ c‘è l’ispirazione, ci sono
ragazze poco raccomandabili, perfino imbruttite eppure è questa l’atmosfera della gioventù in tutto il mondo.

Si intitola Unisex la collezione di
Vivienne Westwood, eppure la ricchezza grintosa e provocatoria del suo stile è solo un ricordo. Vanno in scena modelle e modelli, indifferentemente vestiti da uomo o da donna, ma non ci si fa neppure caso. Si è visto ben altro, e questa moda ha qualcosa di dimesso.

La sfilata tenta di avere toni forti grazie a una rock band dal ritmo stressante e dal volume assordante. Ma sono tristi le stelle filanti che scendono dal soffitto.

Sono giovani cavallerizze che vagano nella brughiera inglese tra foglie secche e brina le protagoniste della sfilata Moncler Gamme Rouge disegnata da Gianbattista Valli.

Un trionfo di panno, tweed, peluche e matelassé, pantaloni da cavallo che sono legings rinforzati al ginocchio, stivaloni in gomma e tessuto, giacchine rosse come è d’uso in ogni concorso ippico. Valli si perde in queste lande a Parigi.