ULTIM'ORA

Lettura in corso:

A scuola sbagliando si impara


learning world

A scuola sbagliando si impara

In partnership con

Cosa possono fare gli insegnanti per far capire agli studenti che non devono temere di fare errori in classe, ma che anzi…sbagliando si impara?

Una risposta viene dai videogiochi: perdere una partita significa avere l’opportunità di giocare di nuovo ed i giocatori si divertono continuando a provare e riprovare a vincere. In Regno Unito, Steve Harris, consulente pedagogico della Wellbeing Education, aiuta gli insegnanti ad applicare questo approccio in classe.

In Messico gli insegnanti della scuola Habla di Merida, pensano che il modo migliore di imparare per gli studenti sia la sperimentazione. Per questo insegnano le lingue straniere non con i vocabolari ma con le perfomance di poesia e workshop di animazione in stop motion.

Finita la scuola possiamo comunque continuare ad imparare dai nostri sbagli. In Italia gli sbagli sul campo da calcio possono essere importanti lezioni di vita. La squadra dell’==Excelsior==
, ultima nella classifica di terza categoria del campionato provinciale, in 13 anni ha perso 247 partite. Numero di partite vinte: 1.

Questa speciale squadra è stata fondata dall’organizzazione di volontariato La Strada-Der Weg che opera a favore di donne e giovani in difficoltà.
La vittoria per questi calciatori è portare in campo rispetto, inclusione e fair play. Anche quando, come oggi, hanno perso 3 a 0.
“Abbiamo perso sul campo, ma noi siamo dei vincenti. La nostra forza è comunque cercare di migliorarci in campo, come nella vita… si prendono botte dure ma si va avanti. E’ quello che cerchiamo di insegnare anche ai nostri ragazzi”, dice Antonio La Cedra, allenatore e portiere.

Prossimo Articolo

learning world

A scuola per imparare le lingue, quelle in via di estinzione