ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Vittime di reati: la lotta solitaria

Lettura in corso:

Vittime di reati: la lotta solitaria

Dimensioni di testo Aa Aa

Si stima che circa 75 milioni di persone sono vittime di reati ogni anno nell’Unione Europea. Alcune ricevono un buon aiuto e sostegno, ma molte altre sono lasciate a se stesse. In Europa si sta cercando ora di fare in modo che le vittime di un reato non diventino anche vittime del sistema.

“Non solo abbiamo perso Chris, ma ora ci troviamo a batterci con la giustizia per far sì che il suo caso sia tenuto in considerazione, per la giustizia, per lui, per me, per la famiglia, per i suoi figli” si sfoga una donna, Vikki Soloman.

Uno dei migliori sistemi europei di sostegno alle vittime si trova in Scozia. È considerato da alcuni come un modello per gli altri paesi. La gente qui può aspettarsi di essere aiutata dopo aver subìto un reato. Ma questo è di poco conforto per la famiglia che abbiamo incontrato, la cui dura esperienza è un buon esempio del tormento che le vittime nell’Unione Europea possono trovarsi ad affrontare.

Il caso è quello di un uomo di Edimburgo morto in Spagna nell’ottobre dello scorso anno. Chris Lindsay fu trovato per strada, con gravi ferite, dopo una notte trascorsa con i colleghi di lavoro durante un soggiorno nella Costa del Sol.

La sua famiglia ha dovuto rivolgersi a un’organizzazione scozzese di supporto per le vittime di reati – “Victim Support Scotland” – per avere un aiuto nella battaglia per ottenere l’apertura di un’indagine ufficiale in Spagna. Hanno dovuto affrontare problemi linguistici, d’informazione e burocratici.

Prima di morire, Chris disse al personale ospedaliero di essere stato aggredito. Ma la famiglia non ha ancora ricevuto risposte ufficiali in merito.

“È devastante” commenta ancora Vikki Soloman, compagna dell’uomo. “Stiamo piangendo la perdita di una persona molto importante per noi, ma non possiamo farlo appieno, perché in realtà ancora non sappiamo cosa sia successo. Ma anche se abbiamo un’idea in merito, siamo arrabbiati con il sistema e per il tempo trascorso. Nessuno può andare avanti con la propria vita, perché stiamo ancora combattendo per ottenere che il nostro caso sia trattato in tribunale in Spagna. E più il tempo passa, meno prove e informazioni hanno, e la gente dimentica.”

Un amico di famiglia, che è un avvocato in pensione, sta a sua volta cercando di dare un aiuto con nuove mosse legali e “Victim Support Scotland” sta tentando di sensibilizzare sul caso in Spagna.

“Chiunque in Europa deve esaminare bene il sistema e ascoltare le vittime, i genitori e così via” afferma Harry Lindsay, padre di Chris. “Deve cercare di imparare da loro e di migliorare quel sistema, farne uno molto più facile. Perché questo è orribile e il dolore continua. È con noi ogni minuto del giorno e mentre le ore passano bisogna conviverci. Ma se senti che stai ricevendo un po’ d’aiuto e che il sistema giudiziario è molto più facile, allora la cosa aiuterebbe molto di più.”

Ma chi dà quell’aiuto? Questo è il gran punto interrogativo per le vittime che lamentano di non avere voce.

Nonostante i già significativi progressi in Scozia, i politici stanno valutando, inoltre, una sorta di tassa da far pagare ai colpevoli per i costi dei servizi di supporto alle vittime. I tribunali, inoltre, dovrebbero anche prendere in considerazione il risarcimento in ogni caso di ferimento, morte o trauma.

Ma c‘è anche un’azione più ampia: una nuova direttiva dell’Unione Europea dovrebbe essere adottata al più presto. Mira a garantire lo stesso livello di protezione, sostegno e accesso alla giustizia per le vittime dei reati in tutta l’Unione.

“Prima di tutto – spiega David McKenna, presidente di ‘Victim Support Europe’ – c‘è una scarsa conoscenza da parte dei sistemi di giustizia nella maggior parte dei paesi a proposito dei bisogni delle vittime di un reato. Questo è un concetto nuovo per molti sistemi giudiziari. Per quanto riguarda le singole vittime, lo sono spesso in un paese in cui hanno scarsa conoscenza del sistemi giudiziari lì presenti e ci sono difficoltà linguistiche, problemi di traduzione. Può quindi essere un’esperienza davvero terribile subire un reato in un paese che non è il tuo.”

Gli esperti dicono che introdurre le modifiche in tutta Europa non sarà facile. Dicono che dipende dalla volontà degli stati di migliorare le loro procedure, ma è anche una questione di risorse e finanze.

Un altro esempio di un paese che si sta preparando a cambiamenti in merito è la Lituania. Il rafforzamento dei servizi di supporto sarà a vantaggio non solo di coloro che hanno problemi all’estero, ma anche della popolazione locale.

In programma, anche misure speciali per le vittime di violenza domestica, provvedimenti ben accolti nel centro di accoglienza per donne che abbiamo visitato.

“All’inizio ho avuto paura – afferma una di loro – perché sono stata minacciata. Ero troppo spaventata per reagire. Pensavo che avrebbero solo detto ‘una madre con figli, è lei la colpevole’, poiché questo è il caso più frequente in Lituania: le donne sono più colpevoli degli uomini. Ho avuto paura, ma poi ho ceduto. Ero così stressata, nervosa e arrabbiata. Ho deciso di chiamare la polizia e le ho chiesto di portarmi via, così come i bambini. Ho avuto bisogno di aiuto psicologico.”

La responsabile del centro, Nijolė Dirsienė, sottolinea quanto sia importante l’assistenza sociale, aiutare le vittime ad acquisire nuove competenze e conoscenze per cambiare la loro situazione. Prevenzione e consapevolezza sono due parole chiave. “Parlando di un’efficace soluzione – afferma – penso che il miglior esempio da mostrare al pubblico non sia forse la presenza di centri come questi. Dobbiamo mostrare che le cause sono esaminate in tempi rapidi dai tribunali, sentenze veloci, l’uso di tutti gli strumenti legali per fare i conti con un comportamento violento. Il pubblico ha bisogno di essere a conoscenza di questi casi e capire che la violenza in famiglia è punibile, e che nessun caso dovrebbe essere impunito. “

Secondo la Lituania, la nuova direttiva dell’Unione Europea non comporterà grandi cambiamenti alle sue leggi sulle vittime, esistendo già disposizioni in merito. Per il Paese, le priorità di Bruxelles sono anche priorità della Lituania. Funzionari evidenziano una legge del 2009, che consente alle vittime di atti di violenza di chiedere un risarcimento allo Stato. Ma riconoscono che servono ulteriori progressi.

“Ci sono problemi che hanno più a che fare con le questioni pratiche di attuazione, la mancanza di mezzi” spiega il viceministro della Giustizia lituano Tomas Vaitkevičius. “Molto spesso, devo ammetterlo, c‘è una mancanza di competenza fra i funzionari, quando si tratta di capire la vittima durante le procedure e anche le sue necessità. È davvero una bella sfida per tutti gli interessati.”

Molti di coloro che lavorano sul campo sanno che non è solo questione di avere semplicemente le giuste procedure scritte in una legge. ‘Rispetto’ è una parola chiave utilizzata da un pubblico ministero con cui abbiamo parlato, Eglė Matuizienė.
“La vittima di un reato – afferma – è in realtà più interessata a un comportamento rispettoso che le permetta di mantenere la propria dignità, piuttosto che alla sentenza finale sul caso. Pertanto è di grande importanza esprimere empatia con la vittima, mostrarle attenzione e rispetto, ma questo è un grosso problema in Lituania. “

Un messaggio valido anche per molti altri paesi.