Dubai, l'eredità dell'Expo: una città intelligente nell'area dell'esposizione

Access to the comments Commenti
Di Laura Buckwell
Dubai, l'eredità dell'Expo: una città intelligente nell'area dell'esposizione
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai

Dopo sei mesi si è chiusa a Dubai l'edizione 2020 dell'Expo, la prima ad essere ospitata da un paese arabo. A differenza di alcuni precedenti siti dell'Esposizione Universale, le strutture usate a Dubai continueranno ad essere utilizzate: l'ex area espositiva sarà trasformata in una città del futuro: Expo City Dubai.

"È una combinazione di istruzione, intrattenimento e una nuova esperienza lavorativa - dice Ahmed Al Khatib, responsabile dello sviluppo e della realizzazione di Expo City Dubai -. Abbiamo richieste da molte organizzazioni che voglioni trasferirsi qui. Molte persone stanno venendo qui per aderire a questa visione e a ciò che stiamo cercando di realizzare entro la fine dell'anno. Tutti i padiglioni dovrebbero essere aperti, naturalmente i contenuti saranno diversi".

Molti dei padiglioni rimarranno e saranno riadattati con una varietà di idee e sviluppi, da centri culturali e università a consolati e ristoranti. I funzionari dell'Expo stanno studiando attentamente ogni proposta per allinearla alla visione della città. La struttura coprirà una superficie di oltre mille acri. L'80% del sito sarà riutilizzato. I visitatori e i residenti potranno usufruire di dieci chilometri di piste ciclabili, una pista da jogging di 5 chilometri e 45.000 metri quadrati di giardini e parchi. Una volta aperto al pubblico, i visitatori potranno godere delle precedenti attrazioni e soggiornare nell'unico albergo del sito.

"L'evento dell'Expo in sé è stato una cosa talmente grande per questa parte del mondo che da ottobre in poi, sfruttando l'80% del patrimonio immobiliare, si possa ancora sfruttare l'evento e anche farlo evolvere - dice Paul Bridger, direttore responsabile di Robe Hotels -. Credo che la gente fosse molto legata a questo quartiere durante l'Expo. L'albergo era sempre molto trafficato. Ora la situazione è un po' più tranquilla. Abbiamo accolto molte persone che sono venute durante l'estate solo per vedere l'area e per vedere cosa sta succedendo. Non vediamo l'ora di riaprire le attrazioni a ottobre. L'area accoglierà anche molte start-up".

Il Centro espositivo continuerà a operare a Expo City Dubai e a ospitare eventi globali come la COP 28 nel 2023. Inoltre, una serie di aziende della lista Fortune 500 e imprese locali stanno lavorando per aprire i loro uffici qui, insieme a società del calibro di DP World e Siemens. La comunità imprenditoriale potrà sfruttare strutture all'avanguardia, dotate di tutte le ultime tecnologie.

"Expo City sarà una città intelligente - dice Ling Shao, chief scientist di Terminus Group -. Quindi è un importante campo di gioco per diverse tecnologie legate all'Intelligenza artficiale, tra cui la computer vision, l'elaborazione del linguaggio naturale, l'apprendimento automatico e l'interazione uomo-computer. Tutte queste tecnologie possono essere utilizzate in una smart city. Per questo motivo è necessario che molte aziende hi-tech avanzate abbiano una sede all'Expo City per collaborare alla realizzazione e allo sviluppo della cittadella".

Chi sceglierà di fare dell'Expo Village la propria casa potrà vivere e lavorare nella prima città degli Emirati Arabi dove è possibile arrivare ovunque in 15 minuti, grazie a passaggi pedonali e percorsi per veicoli autonomi.

"Expo City si trova a Dubai South, la città più recente che si sta costruendo all'interno di Dubai - dice Rebecca Elyse Roffe, agente immobiliare di Better Homes -. Quando sarà completata, Dubai South sarà un'area più grande di Hong Kong. Gli abitanti di Dubai sono sempre molto entusiasti per le novità. L'idea della città in 15 minuti è la prima del suo genere qui. Ci sono molte persone interessate a saperne di più. Abbiamo ricevuto richieste da persone di tutte le nazionalità. Anche gli emiratini che hanno vissuto qui per tutta la vita sono interessati a vivere nella nuova città, così come le persone che si trasferiscono qui per la prima volta e che magari non hanno mai vissuto fuori dal loro Paese. Le persone sono davvero entusiaste all'idea che il 90% delle loro attività quotidiane possano essere svolte a massimo 15 minuti di distanza dalla loro abitazione".