This content is not available in your region

I leader religiosi di tutto il mondo in Kazakistan per parlare di pace

Di Galina Polonskaya
euronews_icons_loading
I leader religiosi di tutto il mondo in Kazakistan per parlare di pace
Diritti d'autore  euronews

Il 14 e 15 seIl 14 e 15 settembre il Kazakistan ha ospitato i delegati di oltre 50 Paesi, che si sono riuniti nella capitale Astana per il 7° Congresso dei Leader delle Religioni mondiali e tradizionali. Si è parlato del ruolo dei leader delle varie confessioni nello sviluppo spirituale e sociale dell'umanità nel periodo post pandemico.

"Gli sforzi dei leader mondiali e quelli delle organizzazioni internazionali non sono sufficienti per superare le sfide che l'umanità sta affrontando - dice Askar Shakirov, presidente del Senato del Kazakistan -. Quindi è molto importante la voce dei leader spirituali che hanno una grande autorità tra la popolazione mondiale e che invitano a superare insieme le sfide che abbiamo di fronte".

Al Congresso erano rappresentati l'Islam, l'Ebraismo, il Cristianesimo, l'Induismo e altre religioni mondiali. Tra gli ospiti presenti quest'anno anche Papa Francesco e il Grande Imam di al-Azhar Ahmed Al-Tayeb. L'obiettivo del Congresso è quello di trovare punti di riferimento comuni per creare un'istituzione internazionale permanente, garantire il dialogo interreligioso e un processo decisionale coordinato.

La dichiarazione finale del Congresso invita i leader mondiali ad abbandonare ogni retorica aggressiva e destabilizzante. Chiede la cessazione dei conflitti e degli spargimenti di sangue in tutto il mondo. Inoltre sostiene che l'estremismo, il radicalismo, il terrorismo e tutte le altre forme di violenza non hanno nulla a che fare con la religione e devono essere respinti.

"Notiamo con rammarico che alcuni circoli politici usano la religione come mezzo per raggiungere i loro obiettivi - dice Allahshukur Pashazadeh, presidente del Consiglio dei musulmani del Caucaso -. Inoltre oggi ci sono alcune figure religiose che invitano allo scontro e alla guerra. Dobbiamo lottare insieme contro questo fenomeno".

I partecipanti al Congresso hanno piantato alcuni alberi nel nuovo parco della Pace e dell'Armonia della capitale del Kazakistan. La speranza è che il dialogo interreligioso unisca comunità diverse in tutto il mondo e che ispiri le persone a unire i loro sforzi. "Parliamo di pace globale, ma direi che questi passi iniziano a livello locale - dice Jo Bailey Wells, vescovo anglicano -. Cominciano in ogni piccola città dove cristiani e musulmani cercano di sfamare gli affamati. Quindi non guardiamo più alle nostre differenze, ma riconosciamo la nostra preoccupazione comune per coloro che lottano o soffrono".

La prima edizione del Congresso si è svolta nel 2003. Da allora i leader religiosi si sono riuniti ogni tre anni per garantire il dialogo interreligioso e un processo decisionale coordinato.