This content is not available in your region

Gusci d'ostrica per ricreare le barriere coralline nelle acque di Dubai

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Gusci d'ostrica per ricreare le barriere coralline nelle acque di Dubai
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai

Un catena di ristoranti di Dubai ha lanciato un progetto innovativo per restituire al mare i gusci delle ostriche con la collaborazione di una scuola locale e un gruppo marino. I gusci vengono usati per creare una barriera naturale e aumentare la biodiversità al largo della costa di Dubai.

La Maine New England Brasserie Company ha tre filiali a Dubai ed è il più grande fornitore di ostriche della regione. Prima che avviasse il progetto buttava nella spazzatura oltre 50mila gusci di ostriche ogni mese. Da quando ha istituito l'Oyster Project, il ristorante ora informa i clienti che i gusci delle ostriche saranno utilizzati per un'iniziativa del ristorante guidata dalla comunità.

"Ogni mese buttavamo quantità enormi di gusci d'ostrica - dice Joey Ghazal, titolare della catena di ristoranti -. Il Dubai Oyster Project è il primo progetto di ripristino della barriera corallina guidato dalla comunità: usa i nostri gusci d'ostrica per creare barriere artificiali in mare. Diciamo ai nostri clienti che le ostriche che stanno mangiando finiranno di nuovo in mare; che ogni singola ostrica che si rigenera può filtrare più di 200 litri di acqua al giorno, e questo sta creando un habitat naturale che filtra l'acqua e sta migliorando l'ambiente. Questo sta aiutando la tartaruga embricata, a rischio estinzione. La gente è molto contenta e sente di fare qualcosa di utile per l'ambiente".

La collaborazione tra i tre gruppi è stata resa possibile da Fadi Abu Ghali, un imprenditore di Dubai. "Joey è venuto da me per parlarmi del problema e abbiamo pensato a come risolverlo - dice Abu Ghali -. Sono un membro del consiglio della Arbor School e ho lavorato con Gruppo ambientale marino degli Emirati per circa 18 anni, quindi conosco molto bene il Santuario di Jebel Ali. Così ho pensato di mettere insieme i pezzi e creare una bella storia, incentrata sull'educazione, l'ambiente e il problema dei rifiuti alimentari. Era nella mia lista dei desideri da tempo. Ho dei figli e voglio lasciargli un mondo migliore. Quest'iniziativa è incentrata sull'educazione e il problema dello spreco di cibo. Tutte questioni molto importanti".

Il progetto mira a ridare vita alla barriera corallina al largo della costa di Dubai, per promuovere la biodiversità marina e creare un habitat naturale per la tartaruga embricata in pericolo. Gli studenti della Arbor School studiano l'oceanografia degli Emirati Arabi. Anche loro partecipano al progetto, riempiendo trappole per pesci scartate, conosciute localmente come gargoors, con i gusci delle ostriche: una volta installate permetteranno alla vita marina di prosperare.

"Il progetto con le ostriche è stato un'opportunità di passare dalla teoria alla pratica - dice Ben Wren, consulente di educazione ambientale alla Arbor School -. Tutti i nostri studenti passano del tempo sulle spiagge. Abbiamo già completato alcune parti della barriera, ma al fine di monitorarla più facilmente i ragazzi stanno costruendo delle scatole campione che saranno attaccate alla barriera: sono facilmente rimovibili e possiamo esaminarle utilizzando attrezzature specializzate. Questo permette loro di dare un'occhiata da vicino a ciò che sta accadendo alle nuove barriere coralline. L'obiettivo è quello di tornare tra circa sei mesi con questo gruppo, che sarà al nono anno, e un gruppo più giovane per una sorta di passaggio di consegne".

Con il supporto del Gruppo ambientale marino degli Emirati, gli alunni della scuola hanno posizionato e monitorato lo sviluppo delle strutture. Le trappole vengono trasformate in blocchi biologici e collocate al largo. È un processo chiamato restauro ecologico. Se il progetto si rivelerà un successo, potrà poi essere esteso a diverse aree al di fuori della riserva, contribuendo al miglioramento dell'ecosistema marino degli Emirati Arabi. Si stima che negli ultimi sei mesi il ristorante abbia donato alla Arbor School 250mila gusci di ostriche. L'obiettivo è arrivare a un milione entro la fine dell'anno.