This content is not available in your region

Seguire le folle: la soluzione intelligente di Amsterdam

Di Paul Hackett
Seguire le folle: la soluzione intelligente di Amsterdam
Diritti d'autore  euronews

Nell'ambito del nostro episodio dedicato alle smart city, abbiamo parlato con il comune di Amsterdam del suo esperimento di monitoraggio delle folle.

Il comune di Amsterdam sta attualmente sperimentando una tecnologia di monitoraggio della folla con l'obiettivo di gestire meglio il gran numero di persone che frequentano la città.

Questa tecnologia intelligente è attualmente operativa in due sedi: la Johan Cruyff Arena e una popolare zona ricreativa all'aperto vicino al centro città chiamata Marineterrein. Telecamere, sensori e un algoritmo AI calcolano quante persone ci sono nelle vicinanze. Nel Marineterrein, i nuotatori che non vogliono essere ripresi possono premere un pulsante per attivare un otturatore che chiude la telecamera per 15 minuti. Sono state sviluppate anche un'app per smartphone e schermi video per informare i visitatori quando le due aree sono occupate o meno.

Abbiamo incontrato Rachel Tienkamp del comune di Amsterdam per saperne di più.

Rachael, perché il comune di Amsterdam ha considerato il progetto Public Eye una priorità? Perché è stato ritenuto necessario disporre di questa tecnologia?

"Per la città di Amsterdam era davvero una priorità sviluppare una tecnologia di gestione della folla, in questo caso Public Eye, perché la città sta crescendo, è sempre più affollata e abbiamo bisogno di sapere dove sono i punti più caldi, quali sono occupati e per quanto tempo, per sapere esattamente cosa dobbiamo fare, quando dobbiamo agire e soprattutto dove dobbiamo agire".

E la tecnologia ha migliorato le cose? Ha funzionato?

"Ha funzionato. Assolutamente! È davvero piacevole vedere che se sai dove sono le folle, sai davvero come agire e anche quando non agire. E quando la situazione è ancora confortevole, quando c'è abbastanza spazio. Non è necessario agire in qualunque situazione. Quindi aiuta davvero ad essere efficaci ma anche ad essere efficienti con i mezzi a disposizione”.

Per quanto riguarda privacy e sicurezza, che cosa avete fatto per far sì che queste informazioni non possano essere utilizzate in modo improprio?

"In quanto comune di Amsterdam, facciamo molto per assicurarci che questi dati non possano essere utilizzati in modo improprio. Abbiamo standard molto elevati. Per esempio con Public Eye, quello che facciamo è non archiviare le immagini, le reindirizziamo immediatamente o ne facciamo una sorta mappa termica e memorizziamo solo le coordinate e il numero di persone. Ma nessuna informazione sulle persone stesse. Solo i numeri, quante persone ci sono in una determinata area. E riteniamo molto importante che le informazioni siano protette e a prova di privacy”.

Amsterdam è in prima linea nella rivoluzione delle smart city. Come state lavorando con le imprese private? Ed è un settore  in crescita?

"Il comune di Amsterdam lavora molto con aziende piccole e grandi in questo settore e il mercato è in forte crescita. E ci piace sperimentare, ci piace scoprire cosa funziona per quali soluzioni. Quindi certe soluzioni le realizziamo da soli, ma per altre soluzioni lavoriamo molto con aziende private, ma anche con istituti di conoscenza, insieme ai quali sviluppiamo la tecnologia e scopriamo davvero con l'azienda cosa funziona meglio”.