This content is not available in your region

VivaTech, tecnologia e digitale tornano in presenza

Di Jeremy Wilks
euronews_icons_loading
VivaTech, tecnologia e digitale tornano in presenza
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Il VivaTech di Parigi è considerato il più grande evento su tecnologia e start-up in Europa. Quest'anno si tiene dal vivo, con molti degli espositori e degli ospiti nella capitale francese e molti altri online. Una finestra sul mondo dell'innovazione francese. Andiamo a incontrare alcuni grossi nomi.

"Persone in carne, ossa e sangue"

Al VivaTech di Parigi abbiamo incontrato Maurice Lévy presidente di Publicis e uno dei cofondatori dell'evento. Per lui trovarsi di nuovo qui di persona è fantastico: "È come sopravvivere. C'è la sensazione che stiamo tornando a vivere. È il primo evento in cui ci sono persone fisicamente presenti. E quando hai trascorso quasi due anni guardando le persone in video e vedi che esistono in carne, ossa e sangue, con un sorriso sul volto, è davvero bello da vedere".

Un digitale "di lusso"

Uno dei partner storici di VivaTech è il gigante francese del lusso LVMH. Per il direttore informatico, Franck Le Moal, "La pandemia è stata un acceleratore incredibile. Nel giro di pochi giorni siamo dovuti passare da una società completamente fisica a una completamente digitale, in particolare in una società di lusso che ha una lunga tradizione di fabbricazione manuale e di trasmissione di abilità manuali. All'improvviso il Covid è arrivato, e in poche settimane siamo dovuti passare a questa trasformazione totalmente digitale".

Un punto di vista condiviso da molti

Le Moal non vede conflitti fra il mondo del lusso, fatto di esperienze esclusive e prodotti esclusivi, e il mondo digitale, fatto per raggiungere il massimo numero di persone a basso costo: "Se ne discute da anni, ma penso che le cose stiano davvero cambiando. Oggi la tecnologia consente di mettere a disposizione dei nostri clienti sul digitale un'esperienza sempre più personalizzata, che è quel che i nostri clienti si attendono, e accanto a questo le tecnologie ci permettono di migliorare i nostri siti web, le nostre applicazioni, per avere qualcosa di estremamente sofisticato e che sarà davvero unico per i nostri clienti. Perché alla fine è questo che cercano".

"La mobilità deve essere elettrica"

Le questioni ambientali sono in cima ai pensieri di tutti all'emergere da questa pandemia, e naturalmente i trasporti sono al centro di queste preoccupazioni. Clotilde Delbos dirige un nuovo marchio Renault chiamato Mobilize.

"Mobilize è il futuro di Renault - spiega -,perché siamo convinti che il mondo della mobilità stia cambiando. Si sta passando dalla proprietà dell'auto all'utilizzo dell'auto, e questo è esattamente ciò che Mobilize vuole poter offrire. Mobilize in realtà è tre cose: stiamo mettendo insieme offerte nella mobilità, nei servizi energetici e nei servizi dati. E mettiamo insieme tutto questo perché penso che questi aspetti siano collegati. La mobilità deve essere elettrica, quindi questo è quello che dobbiamo fare per favorire questa mobilità elettrica".

Le questioni ambientali sono in cima ai pensieri di tutti

Un problema che rimane per chi vuole acquistare un veicolo elettrico è quello delle batterie: che cosa ne facciamo alla fine della loro vita? "La buona notizia - dice Delbos - è che abbiamo dieci anni di esperienza nella mobilità elettrica. Quindi ora iniziamo ad avere le prime batterie che tornano indietro e scopriamo che cosa possiamo farne. Innanzi tutto ci siamo resi conto che il loro ciclo di vita è molto più lungo di quello che pensavamo all'inizio. E poi, quando non sono di qualità sufficiente perché non si caricano abbastanza, possiamo rimuoverle dall'auto e usarle in modo stazionario per una seconda vita per fornire energia in varie situazioni".