This content is not available in your region

Disoccupazione giovanile, un dramma europeo

Di Euronews
euronews_icons_loading
Disoccupazione giovanile, un dramma europeo
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono oltre 3 milioni i giovani che in Europa non sono in grado di trovare un lavoro - e la situazione peggiora con la pandemia - parliamo di una drammatica disoccupazione giovanile.

Essa ha effetti a lungo termine - i giovani senza lavoro rischiano la depressione, veri problemi di salute mentale, e tendono a guadagnare sempre di meno. Sono costretti a rendersi indipendenti e a formare una famiglia molto più tardi.

Ci sono però alcune storie di successo. Abbiamo incontrato dei giovani in Belgio che sono riusciti a entrare nel mondo del lavoro.

Andiamo a conoscere Baggio. Ha 25 anni e un contratto di lavoro giovanile, vicino a Bruxelles. Questo ex elettricista ha appena completato la sua formazione come operaio specializzato nella riparazione dei tetti. È un lavoro molto richiesto nella sua regione.

Euronews
ImagesEuronews

Baggio Lorenzino: "Mio fratello mi ha fatto conoscere i tetti. Queste sono solo piastrelle quindi è relativamente semplice lavorarci, ma quando devi sistemare piastrelle di ardesia...questo è un lavoro da artigiano e francamente è piacevole da realizzare. Ho molti amici che stanno lottando per trovare lavoro in questo momento. Ma con questa formazione non sono preoccupato. Posso dire che mi sento fortunato".

Baggio ha potuto riqualificarsi grazie a “Tremplin”, trampolino in italiano, un programma nella regione di Bruxelles, finanziato dal Fondo sociale europeo. Ha un budget di 18 milioni di euro, in oltre 7 anni ne hanno beneficiato 10.000 giovani tra i 18 ei 25 anni . Tra questi c'è Gamze, 19enne di Bruxelles. La incontriamo durante il suo tirocinio in un negozio. Un tirocinio che ha intrapreso dopo 4 mesi di formazione.

Euronews
ImagesEuronews

Gamze Celik, tirocinante e-commerce: "L'anno scorso ho finito il liceo ma non sapevo cosa fare. Mi ha davvero causato ansia. Da quando è scoppiata l'epidemia di Covid, l'e-commerce è progredito molto, il che mi ha spinto verso questo campo. Il negozio ha anche una sezione di vendita online, quindi mi occupo di stock, vendite, ordini, gestione dei social media, come Facebook o Instagram".

Per Gamze è stata una mossa intelligente, dato che ora ha un colloquio per un lavoro. In tutta la regione di Bruxelles, il numero di persone in cerca di lavoro sotto i 25 anni è aumentato di quasi l'8% rispetto allo scorso anno e il tasso di disoccupazione giovanile ha raggiunto il 25%. Ma Gamze e Baggio sperano ancora che i loro sogni professionali diventino realtà.

Continua Gamze Celik: "È stato molto motivante vedere gli imprenditori durante la formazione. Voglio avere un lavoro nell'e-commerce e voglio anche avviare la mia attività, voglio vendere abiti da sera".

Anche Baggio Lorenzino ha dei progetti imprenditoriali: "Sto progettando di aprire un'attività con mio fratello tra pochi anni, e sarà ancora più gratificante per me dire che sono stato in grado di creare qualcosa da solo".

La pandemia ha esacerbato il problema della disoccupazione giovanile in Europa. Ci sono meno opportunità di lavoro ei giovani sono in concorrenza con i disoccupati con più esperienza.

Anche se l'Europa prevede di spendere almeno 22 miliardi di euro per sostenere l'occupazione giovanile, l'economista Guntram Wolff ci illustra le sue preoccupazioni.

Guntram Wolff, economista e direttore del think tank Bruegel: "Da soli, 22 miliardi non sono sufficienti. È chiaramente necessario anche il sostegno nazionale per le giovani generazioni. La triste verità è che la disoccupazione giovanile non diminuisce così rapidamente. Voglio dire, dopo l'ultima crisi finanziaria, ci sono voluti dai 5 ai 10 anni prima di tornare ai livelli di disoccupazione giovanile del 2009. Penso che la questione di come i giovani siano colpiti dalla pandemia sia qualcosa che deve essere in cima alla mente dei responsabili politici".

Con sempre più giovani che necessitano di centri di disoccupazione come questo a Bruxelles - quanto è grave il problema in Europa - e cosa si sta facendo al vertice per risolverlo?

La disoccupazione giovanile nell'Unione Europea è aumentata a seguito della pandemia Covid-19 passando dal 15% nel 2019 al 18% nel dicembre 2020.

Attualmente in Europa ci sono 3,1 milioni di giovani di età compresa tra 19 e 24 anni in cerca di lavoro o impossibilitati a trovare uno e 4,7 milioni nella fascia di età tra 19 e 29 anni.

Il numero di giovani di età compresa tra 19 e 29 anni senza un lavoro e senza istruzione o formazione, noti come NEET, è di 9,7 milioni.

Durante la crisi finanziaria, la disoccupazione giovanile è passata dal 16% al 26%. Il tasso è tornato al livello del 2008 solo nel 2018, sebbene in Spagna, Italia e Grecia la disoccupazione giovanile sia rimasta elevata.

Per evitare lo stesso impatto della crisi pandemica, Bruxelles investirà almeno 22 miliardi di euro nei prossimi sette anni per aiutare i giovani a lavorare. È il pacchetto di sostegno all'occupazione giovanile ed è finanziato dal Fondo sociale europeo e da altri fondi comunitari.

Include la Garanzia per i giovani in cui tutti coloro che si iscrivono ricevono un'offerta di lavoro, apprendistato, istruzione o formazione entro quattro mesi.

Un altro impatto più nascosto della pandemia è una "crisi del benessere" tra i giovani. Un sondaggio su oltre 12.500 giovani in 112 paesi, condotto dal Forum europeo della gioventù con l'ILO e altri partner, mostra che oltre la metà dei giovani in tutto il mondo mostra segni di depressione e ansia dall'inizio della pandemia.

Per saperne di più su cosa la Commissione europea intenda fare per la disoccupazione giovanile, abbiamo parlato con il Commissario europeo per l'occupazione e i diritti sociali, Nicolas Schmit.

Naomi Lloyd, Euronews: "Ci sono tre milioni di giovani in Europa in questo momento che non riescono a trovare un lavoro. Stiamo guardando una generazione perduta?"

Nicolas Schimt: "Dobbiamo prevenire una nuova generazione perduta, siamo appena usciti da un periodo in cui abbiamo avuto una generazione persa a causa della crisi finanziaria e poi economica. Ed è per questo che la Commissione ha reagito molto velocemente e in modo abbastanza audace, anche con l'adozione del Programma di sostegno all'occupazione giovanile, perché eravamo ben consapevoli che c'era il rischio di una generazione perduta. E non possiamo non possiamo solo produrre in un periodo così breve due generazioni perdute".

Naomi Lloyd Eurnews: "Dopo la crisi finanziaria, ci sono voluti dieci anni prima che i tassi di disoccupazione giovanile tornassero ai livelli precedenti. Perché sarà diverso questa volta?+

Nicolas Schimt: "Perché questa volta è diverso. Penso che questa crisi sia diversa, la reazione alla crisi è molto diversa. Avevamo politiche di austerità. Questa volta abbiamo un grande programma per investire, per recuperare, per creare posti di lavoro, per accompagnare queste transizioni nella green economy, nel digitale, ma anche in molti altri settori".

Naomi Lloyd Eurnews: "Possiamo avere una forza lavoro giovane più istruita e qualificata, ma non ci sono abbastanza posti di lavoro per loro, vero?"

Nicolas Schimt: "Il lavoro c'è. Perché ci sono settori in cui ci sono offerte di lavoro, ma a volte le competenze dei giovani, i loro profili educativi, non corrispondono ai requisiti di questi lavori e quindi dobbiamo reagire rapidamente. A proposito, abbiamo una garanzia per i giovani. Dobbiamo dare a questi giovani una formazione aggiuntiva, un riorientamento educativo aggiuntivo per i lavori esistenti".

Naomi Lloyd Eurnews: "Abbiamo sentito critiche nel rapporto secondo cui i 22 miliardi investiti non sono sufficienti".

Nicolas Schimt: "Beh, non saranno mai abbastanza. Penso però che sia una cifra indicativa. Non sono 20 miliardi e basta. Penso che ora abbiamo molti altri finanziamenti attraverso lo strumento per il recupero e la resilienza. Quindi penso che dobbiamo usare molto di questo denaro per creare posti di lavoro e anche per coinvolgere i giovani in questi lavori".