This content is not available in your region

Ecologia, salute e nuove strategie di acquisto in tempo di covid

euronews_icons_loading
Ecologia, salute e nuove strategie di acquisto in tempo di covid
Diritti d'autore  euronews   -   Credit: Dubai
Dimensioni di testo Aa Aa

L'inquinamento da plastica affligge il nostro pianeta: dagli oceani più profondi alle montagne più alte. E se ci fosse un modo per trasformare i rifiuti di plastica in qualcosa di utile realizzando un profitto? Questo è esattamente ciò che quattro ingegneri kenioti si sono proposti di fare.

Tre anni fa il Kenya ha imposto quello che è stato considerato come il divieto più severo del mondo sull'uso, la produzione e l'importazione di plastica. Ma come conferma l'attivista ambientale di Greenpeace Amos Wemanya... la plastica è già ovunque, anche nel nostro cibo.

Amos Wemanya, attivista ambientale, Greenpeace Africa: "Greenpeace ha condotto uno studio nel 2018 in tutto il mondo sulla presenza di microplastiche in diversi marchi di sale, e ha scoperto che c'erano quantità significative di microplastiche nel sale marino, nel sale lacustre, anche nella salgemma. Quindi, le microplastiche sono nel nostro cibo, sono nella nostra aria, sono nella nostra acqua e causano problemi di salute".

Una società con sede a Nairobi spera di arginare il flusso apparentemente interminabile di rifiuti di plastica trasformandola in questi mattoni per pavimentazione, tutti ecologici.

Nzambi Matee, co-fondatore di Gjenge Makers: "Nella sola Nairobi generiamo circa 500 tonnellate metriche di rifiuti di plastica ogni singolo giorno e solo una parte di queste viene riciclata. Il resto finisce nell'ambiente e nelle discariche. Abbiamo visto un'opportunità perché lo spreco in sé. è una risorsa. Abbiamo iniziato raccogliendo rifiuti di plastica e vendendoli ai riciclatori. Era il 2017, poi ci siamo resi conto che stavamo raccogliendo più di quanto potessimo rivendere, più di quanto i riciclatori potessero assorbire. Ci siamo detti: perché non creare un sistema in cui invece di mandare la plastica in discarica, la intercettiamo lungo la strada? E così abbiamo iniziato l'attività di produzione ".

"Abbiamo deciso cosa possiamo fare di più con la plastica rimanente per darle valore aggiunto. Per poter portare un prodotto sul mercato utilizzando i rifiuti di plastica, così abbiamo iniziato a fare questi mattoncini".

La plastica viene frantumata in palline, ordinate in base al colore. Dopo aver mescolato la sabbia e il pigmento di colore desiderato, il tutto viene messo in una pressa idraulica.

Ann Muthoni, coordinatrice del programma, progetti di sviluppo a Mukuru: "In passato producevamo una specie di brecciolino compatto, ma la maggior parte delle persone si lamentava del fatto che cammiandoci sopra si rovinavano le scarpe. Questi mattoncini sono migliori. Camminarci sopra è come camminare sulla gomma. Forse anche perché sono di plastica. Sono ecologici. Sono anche belli, perché otteniamo colori diversi, e sono facili da pulire, soprattutto quando gli addetti alle pulizie li devono spazzare. Hanno davvero cambiato le cose.

Questa azienda può produrre 1500 mattoncini al giorno ... che si vendono tra gli 8 e i 10 euro al metro quadrato. Questo sta aprendo la strada perché l'azienda sia redditizia ed ecologica".

L'ingegneria genetica e la mappatura genetica vengono considerati la prossima industria multimiliardaria nel settore sanitario. Le principali vaccinazioni Covid 19 già impiegano questa tecnologia ... Jane Witherspoon di euronews ha discusso con alcuni dei maggiori esperti alla Gulf Information Technology Exhibition di Dubai degli ultimi sviluppi del settore.

EURONEWS: "È la domanda delle cento pistole: da dove pensa arriverà la prossima rivoluzione?"

Prof. Zeev Rotstein, Hadassah: "La risposta arriverà dalla genomica. Tutta la produzione dei vaccini contro il covid-19 in questo momento si basa sull'attività genomica. Dell'analisi della struttura, del contenuto, della funzione e dell'evoluzione del genoma. E su questa base che Pfizer e Moderna stanno realizzando il vaccino".

Dottor Manal Taryam, Dubai Health Authority : "Lo consideriamo il futuro del controllo di molte malattie, non solo della pandemia, ma anche di malattie croniche, per essere in grado di comprendere come le comunità o le popolazioni reagiranno ai virus o ai batteri. Questa sarà la pietra angolare nella previsione delle conseguenze di qualsiasi malattia o pandemia.

Cosa farà la genomica? Non solo ci fornirà il database su cui costruire il piano di gestione, ma ci darà anche una corsia preferenziale verso la medicina personalizzata. Non dovremo curare la malattia. Tratteremo la persona che è affetta da quella malattia.

EURONEWS: "Cosa è necessario per creare un ecosistema in grado di supportare le innovazioni nella sanità?"

Assaf Barnea, Sanara Ventures: "Nella prossima pandemia, dobbiamo essere un po' più preparati. Penso che ci sarà un nuovo approccio basato su adattamento e innovazione, utilizzando anche l'intelligenza artificiale.

C'è un cambiamento enorme e straordinario da attuare per passare alla medicina basata sulle prestazioni. Le nuove prestazioni si barseranno su nuovi servizi. E tutti questi cambiamenti alla fine creeranno un ecosistema che penso forzerà la regolamentazione, forzerà l'aquisizione di nuove tecnologie, la medicina basata sui valori, che ora vediamo costringerà ospedali e medici ad adottare nuove tecnologie, tra l'altro. E noi come investitori dovremo adottare nuovi modelli di business".

Questa crisi è un'opportunità per favorire l'innovazione medica.

Un terzo degli acquisti natalizi previsti nel Regno Unito quest'anno saranno online. I rivenditori hanno adattato i loro modelli di business per soddisfare le nuove esigenze provocate dalla pandemia. Per gli acquirenti che vogliomno comprare di persona, alcuni offrono "esperienze di acquisto personale".

Con un aumento geometrico degli aquisti online previsti quest'anno anche la catena di negozi più antica d'Inghilterra, la lussuosa Burlington Arcade di Londra, ha potenziato i suoi servizi digitali.

Mark Lord, Head Beadle, Burlington Arcade: "Tutti i nostri rivenditori si sono adattati a questi tempi difficili. Tutti offrono il sistema click-ritira la spesa. Ci siamo bene adattati a quella sorta di nuovo mondo virtuale di vendita al dettaglio. Gli articoli possono essere consegnati al vostro hotel, al vostro indirizzo di Londra o alla vostra residenza di campagna, se necessario. Anche se abbiamo oltre 200 anni, ci siamo adattati al mondo moderno".

Georgia Bendat, residente a Londra: "Sto facendo più acquisti online solo perché l'anno è stato folle. È difficile sapere se i negozi saranno aperti, quando saranno aperti. Quindi sì, è solo più facile e più garantito farlo online".

David Silver, Direttore, Vintage Watch Company: "Per motivi di sicurezza, è stata necessaria l'adozione dello shopping online. Ad essere onesti, abbiamo sempre avuto un sito web, eravamo molto avanti e l'intera collezione era già stata fotografata. In realtà non abbiamo dovuto fare alcun lavoro aggiuntivo. E sì, la domanda è stata significativa, spediamo in tutto il mondo, siamo molto fortunati ad essere in quella posizione ".

Se Londra interrompesse i divieti, un numero limitato di acquirenti potrebbe prenotare quella che alcuni rivenditori chiamano un'esperienza di acquisto personale.

Mark Lord, Head Beadle, Burlington Arcade: "Penso che le persone abbiano bisogno di essere rallegrate. In tanti abbiamo fatto clic e raccogli e ci siamo fattoi consegnare i prodotti a casa. Alle persone piace. ora cerchiamo di offrire un'esperienza un po' più personalizzata. . È questo che ci proponiamo di fare qui alla Burlington Arcade, vogliamo che nel momento in cui il clienta entre ed è accolto da me o uno dei miei colleghi, le preoccupazioni per il 2020 scompaiano e il Natale torni più normale ".