This content is not available in your region

Football for Friendship: il campo di calcio virtuale in tempi di Covid

Di Euronews
euronews_icons_loading
Football for Friendship: il campo di calcio virtuale in tempi di Covid
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Con oltre 1 milione di partecipanti che hanno preso parte ai numerosi eventi organizzati online durante tutto l'anno, l'ottava stagione del Programma Sociale Internazionale Gazprom per bambini, Football for Friendship, è giunta al termine.

A causa della pandemia di Covid-19, il progetto si è avventurato nel mondo digitale per dare ai bimbi di tutto il mondo l'opportunità di connettersi e condividere le loro esperienze, promuovendo al contempo valori umani essenziali come la pace, l'amicizia e l'uguaglianza.

Sostenuti da atleti famosi, rappresentanti di accademie calcistiche e giornalisti, i ragazzi hanno partecipato a oltre 50 eventi in questa stagione e hanno acquisito il titiolo di Guinness World Records per la più grande lezione di calcio online.

Il torneo virtuale per scendere in campo anche col Covid

Un master class di 2 ore e mezza con video in diretta da tutto il mondo e la partecipazione di Roberto Carlos, ospite speciale, leggenda del Brasile e ambasciatore di Football for Friendship, sono stati il culmine dell'evento.
I bambini di oltre 100 paesi si sono sintonizzati per perfezionare le loro capacità.

La stagione è arrivata all'apice con i giovani partecipanti che si sono dati appuntamento per il Campionato del Mondo online. Non potendo riunire i bambini su un campo di calcio, Football for Friendship ha sviluppato un'applicazione per consentire ai giocatori di diversi paesi di formare squadre. L'app includeva una serie di funzioni speciali: "È possibile personalizzare i propri giocatori in modo da dare loro i capelli con i colori della bandiera del proprio Paese, se lo si desidera - spiega Rich Williams, ambasciatore di Football for Friendship - e l'altra cosa fantastica è che hai dei superpoteri. Puoi correre più veloce del resto dei giocatori o, se sei in porta e c'è un pericolo che si dirige verso di te, puoi erigere un muro di mattoni per evitare che l'altra squadra segni. Quindi, è un ottimo modo per divertirsi".

Le impressioni dei ragazzi

Con uno studio esclusivo, un padrone di casa vivace, ospiti speciali e mascotte colorate, l'evento ha dato vita a un torneo all'altezza delle precedenti edizioni, a cui hanno partecipato centinaia di ragazzi, permettendo loro di stringere nuove amicizie, seppure in maniera virtuale.

"Ho incontrato molti amici e durante la pandemia, in questi tempi difficili, eravamo molto vicini, parlavamo insieme e ci divertivamo", racconta l'allenatore, Mohamed Ilan Imran.

Doro Yuposov, giocatore del torneo: "È stata l'opportunità di fare una nuova esperienza e di condividere i miei punti di vista, non solo come giocatore ma anche come persona".

Alinur Gabidenuly, altro calciatore: "Ho conosciuto nuovi amici, mi mancheranno".

Agonismo ma anche tanto divertimento

La competizione sul campo è stata feroce e, sebbene il trofeo se lo sia alla fine aggiudicato la forte squadra della "Granular Salamander", il premio principale è stato condiviso da tutti nel segno di un torneo, che ha suggellato nuove amicizie.

Nel bel mezzo della pandemia, Football for Friendship ha saputo adattarsi e dare ai suoi giovani giocatori l'opportunità di condividere le loro esperienze. Il percorso digitale si è rivelato un successo e potrebbe diventare una forza trainante, poiché il progetto ha dimostrato di poter crescere dentro e fuori dal campo.

"Credo che sia il caso di sposare entrambi i monti e coinvolgere il maggior numero di persone possibile - conclude Williams - se dalla pandemia può uscire qualcosa di buono, e forse più bambini potranno essere coinvolti, allora questo è il tipo di cosa che dovremmo cercare di replicare nel 2021. Ma si spera che andrà di bene in meglio".

Dal suo lancio nel 2013, Football for Friendship ha riunito migliaia di ragazzi e ragazze di diversa nazionalità e ha raccolto oltre 6 milioni di tifosi lungo il percorso. Con il sostegno di importanti organizzazioni sportive, come la UEFA, la FIFA e il CIO, il progetto è cresciuto e cercherà di diffondere ulteriormente i suoi valori nel 2021, sia su un campo di calcio che nel mondo digitale.