This content is not available in your region

I ministri delle Finanze dovrebbero preoccuparsi delle frodi fiscali, dice il procuratore dell'Ue

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
Laura Kovesi
Laura Kovesi   -   Diritti d'autore  AP Photo / Andreea Alexandru

Le autorità degli Stati membri dell'UE non dimostrano una sufficiente propensione a recuperare le decine di miliardi di fondi persi ogni anno a causa di frodi, secondo il capo dell'agenzia per i crimini finanziari dell'UE.

Laura Kövesi, procuratore capo della Procura europea (EPPO), ha dichiarato a Euronews che le autorità fiscali dell'UE non riescono a riscuotere circa 130 miliardi di euro di IVA ogni anno, di cui tra i 30 e i 60 miliardi di euro vengono persi a causa di frodi o "semplicemente rubati" dalle casse del Paese.

"Se fossi un ministro delle Finanze, probabilmente ci perderei il sonno, soprattutto nell'attuale contesto economico in cui l'inflazione è molto alta".
Laura Kovesi
Procuratore capo EPPO

Kövesi ha parlato con Euronews in occasione del primo anniversario dell'attività della procura europea, avviata nel giugno 2021.

La procura indipendente, con sede in Lussemburgo, ha il compito di indagare sui reati che danneggiano i bilanci dell'UE:  frodi, corruzione e riciclaggio di denaro.

Diretta da un gruppo di procuratori europei provenienti da ciascuno dei 22 Stati dell'UE partecipanti, porta avanti i casi di crimini finanziari presso i tribunali nazionali competenti. Uno dei suoi maggiori vantaggi è che può indagare sui reati a livello transfrontaliero, mentre le autorità nazionali sono limitate al proprio territorio.

I numeri

Durante il suo primo anno di attività, l'EPPO ha aperto 929 indagini, emesso 28 rinvii a giudizio e ottenuto quattro condanne, oltre a ottenere ordini di congelamento di beni per 259 milioni di euro.

Nonostante questi presunti successi, Kövesi si rammarica di dover ancora convincere alcuni leader dell'UE dell'importanza del lavoro dell'EPPO. 

"Troppo spesso", ha dichiarato a Euronews, "ci troviamo di fronte a una comprensione piuttosto limitata delle implicazioni per qualsiasi economia del fatto che le organizzazioni criminali siano in grado di infliggere tali danni con la sola frode dell'IVA".