This content is not available in your region

L'inflazione nella zona euro non accenna a rallentare

Access to the comments Commenti
Di Euronews
Image
Image   -   Diritti d'autore  Daniel Roland/AFP or licensors

Il 2022 doveva essere l'anno in cui l'UE ha superato definitivamente i problemi economici della pandemia e sarebbe entrata in un nuovo capitolo di ripresa e prosperità. Ma poi Vladimir Putin ha deciso di lanciare un'invasione a tutto campo dell'Ucraina, e tutte le previsioni sono andate a farsi benedire.. .

Un mese dopo l'inizio della guerra, l'inflazione annua nell'Eurozona è salita al 7,5%, dal 5,9% di febbraio, sfidando il consenso della maggioranza degli analisti. I soli prezzi dell'energia sono saliti alle stelle del 44,7% su base annua, un aumento sorprendente rispetto al tasso del 4,3% registrato a marzo 2021.

Le aziende di tutto il continente stanno ora combattendo fatture incredibilmente alte che minacciano di interrompere la produzione e chiudere le fabbriche mentre le famiglie vedono il loro potere d'acquisto crollare a velocità record.

Poiché Mosca non mostra segni di arrendersi alla sua campagna militare, l'incertezza sull'immediato futuro dell'UE non fa che aumentare. La tempesta perfetta di aumento dei prezzi, catene di approvvigionamento limitate e decelerazione economica sta alimentando i timori di una stagnazione e di un arresto improvviso della rinascita post-coronavirus.

"L'Europa sta entrando in una fase difficile. Ci troveremo ad affrontare, nel breve termine, un aumento dell'inflazione e una crescita più lenta. C'è una notevole incertezza su quanto saranno grandi questi effetti e per quanto tempo dureranno", ha affermato Christine Lagarde, presidente del Banca centrale europea, parlando la scorsa settimana a un evento a Cipro.

"Più durerà la guerra, maggiori saranno i costi".

Le circostanze estreme mettono le istituzioni dell'UE e i governi nazionali sotto un'enorme pressione per fornire soluzioni rapide e tangibili sia ai lavoratori che alle imprese prima che le cicatrici diventino durature.

La Spagna ha recentemente approvato un pacchetto di emergenza per mitigare le conseguenze economiche e sociali della guerra in Ucraina, che si sta svolgendo a quasi 2.000 miglia di distanza. Il piano mobiliterà 16 miliardi di euro in fondi pubblici, di cui 6 miliardi di euro in sostegno diretto e riduzioni fiscali.

Il Paese meridionale è stato uno dei più colpiti dalla crisi energetica durata mesi, con l'inflazione che ha raggiunto il 9,8% a marzo. Il peggioramento della situazione ha spinto il settore dei trasporti a organizzare uno sciopero di 20 giorni che ha fatto sì che molti supermercati esaurissero i prodotti alimentari e le fabbriche lottassero per ottenere rifornimenti.

Ma anche se i politici si stanno affrettando a offrire misure di soccorso, la drammatica evoluzione della guerra sta aumentando le richieste di sanzioni più severe contro Mosca. Nuove notizie di uccisioni indiscriminate a Bucha, un sobborgo a nord-ovest di Kiev, hanno rimesso sul tavolo l'idea di un embargo sulle importazioni di energia russe, una proposta drastica che farebbe precipitare il blocco in un ulteriore caos economico.

La Germania, un paese fortemente dipendente dall'energia russa, è tra i paesi più riluttanti a compiere un passo così radicale, temendo che lo shock sarebbe troppo intenso per essere gestito dal suo settore.

"L'industria tedesca vede il rischio che le aziende si trovino in difficoltà esistenziali a causa dei prezzi dell'energia o per lo stop russo alle esportazioni di materie prime energetiche", ha dichiarato a Euronews Joachim Lang, direttore generale della BDI, la federazione delle industrie tedesche.

"Già, alcune aziende ad alta intensità energetica sono costrette a frenare la produzione a causa dei costi esorbitanti di gas ed elettricità".

Il paese, la potenza economica europea, sta ora affrontando un "sostanziale" rischio di recessione, ha avvertito il consiglio dei consulenti economici del governo. Il gruppo ha ridotto le previsioni di crescita per il 2022 dal 4,6% all'1,8%, rilevando che i livelli pre-pandemia non saranno raggiunti prima del terzo trimestre dell'anno.

In Lituania, il paese dell'UE con il più alto tasso di inflazione (15,5% a marzo), le imprese stanno lottando per evitare una perdita di competitività poiché le materie prime provenienti da Ucraina, Russia e Bielorussia svaniscono e le alternative di origine diversa comportano costi aggiuntivi.

"L'invasione russa dell'Ucraina aggiungerà più carburante al già acceso falò dell'inflazione e quel falò potrebbe bruciare tutta la crescita economica della Lituania nel 2022", ha detto a Euronews Vidmantas Janulevičius, presidente della Confederazione degli industriali lituani (LPK).

"L'aumento dei prezzi dell'energia ha avuto un forte impatto sull'industria. Oltre alla tendenza al rialzo dei prezzi delle materie prime, l'impatto della crescita delle risorse sulle aziende sta diventando difficile da compensare".

La lunga ombra della stagflazione

La cupa svolta degli eventi dell'ultimo mese ha inevitabilmente sollevato il tanto temuto spettro della stagflazione, un periodo caratterizzato da stagnazione economica, alta inflazione e alta disoccupazione.

Il termine stagflazione è stato coniato negli anni '70, quando i paesi produttori di petrolio hanno proclamato un embargo petrolifero dopo la guerra dello Yom Kippur e hanno provocato uno straordinario aumento dei costi di produzione. La crisi ha portato a uno "shock petrolifero" che ha combinato l'aumento dell'inflazione con il declino economico. Lo scenario era visto come una stranezza: quando l'economia rallenta, la disoccupazione aumenta e la domanda dei consumatori dieci d cadere, facendo scendere i prezzi.

Cinquant'anni dopo, una nuova crisi energetica minaccia di far rivivere la stagflazione, anche se temporaneamente.

"Questo è un incubo perché hai una crescita negativa ma, allo stesso tempo, un'inflazione elevata. Quindi dovresti aumentare i tassi di interesse per combattere l'inflazione elevata, ma dovresti mantenere la politica monetaria molto accomodante perché l'economia sta andando male", Peter Vanden Houte , capo economista di ING Belgio, ha detto a Euronews.

"Per il momento, i prezzi dell'energia rimarranno piuttosto alti data l'incertezza dell'approvvigionamento dalla Russia. C'è una sorta di 'premio di guerra' sia nel prezzo del gas naturale che nel prezzo del petrolio, che rimarrà parte del prezzo finché questa guerra dura. E non abbiamo idea di quanto durerà".

È ampiamente previsto che la BCE metta fine al suo programma di allentamento quantitativo dell'era della pandemia in estate e approvi un primo aumento dei tassi di interesse nel quarto trimestre di quest'anno, sebbene gli ultimi dati economici potrebbero accelerare la tempistica.

"I dati in arrivo non indicano un rischio materiale di stagflazione", ha affermato il presidente Lagarde in un commento consegnato prima della pubblicazione della lettura dell'inflazione di marzo.

"La crescita nell'area dell'euro potrebbe scendere fino al 2,3% in uno scenario grave a causa della guerra nel 2022", ha aggiunto. La sua stima era quasi la metà del tasso di crescita del 4% che la Commissione europea aveva pubblicato all'inizio di febbraio.

A peggiorare le cose per i consumatori, l'inflazione dovrebbe essere spinta da un'imminente crisi alimentare su scala globale. L'Ucraina e la Russia sono considerate i granai del mondo, producendo circa il 30% dei prodotti alimentari come grano e mais.

La scorsa settimana, David Beasley, capo del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, ha dichiarato al Consiglio di sicurezza che il conflitto in Ucraina creerà "una catastrofe sopra una catastrofe" e potrebbe innescare la peggiore crisi alimentare globale dalla seconda guerra mondiale.

Da Bruxelles, i funzionari dell'UE hanno cercato di rassicurare i cittadini sul fatto che gli approvvigionamenti alimentari sono garantiti ma che sono necessarie risposte a medio termine per evitare carenze. I dati sull'inflazione di marzo hanno mostrato che cibo, alcol e tabacco sono aumentati del 5% su base annua, dal 4,2% di febbraio. Gli alimenti non trasformati sono aumentati del 7,8%, spinti da fattori stagionali e maggiori costi di trasporto e fertilizzanti.

La crisi alimentare, la crisi di potere, l'interruzione delle catene di approvvigionamento e tutte le altre potenziali ramificazioni della guerra in Ucraina fanno presagire un percorso lungo e arduo per l'economia europea, dove l'inflazione elevata non è più un mal di testa temporaneo, come molti avevano previsto prima dell'invasione , e diventa invece una sfida a lungo termine.

"Dobbiamo anche tenere conto del fatto che avremo alcuni effetti di secondo impatto ora che i prezzi sono alti per energia e cibo. Alla fine, questo potrebbe anche apparire in altri prezzi. I prezzi elevati dell'energia faranno anche altri beni e servizi più costosi", avverte Vanden Houte, che in precedenza aveva descritto la guerra in Ucraina come "più un punto di svolta" rispetto al COVID-19.

"Tutto sommato, diciamo che il calo dell'inflazione sarà un processo molto lento. Probabilmente dovremo aspettare fino alla seconda metà del 2023 prima di poter parlare di nuovo di tassi di inflazione più normali".