Facebook
Outdoor

Anche questi animali praticano il distanziamento sociale per evitare il contagio

euronews_icons_loading
Anche questi animali praticano il distanziamento sociale per evitare il contagio
Diritti d'autore  pixabay
Dimensioni di testo AaAa

Anche gli animali traggono vantaggio dalla distanziamento sociale proprio come gli esseri umani. Lo hanno scoperto dei ricercatori dell'Università del Texas di San Antonio (UTSA) osservando le scimmie allo stato brado durante una ricerca per analizzare la diffusione delle malattie tra i primati.

Gli scienziati hanno esaminato come la distanza all'interno dei raggruppamenti sociali abbia influito sulla diffusione dei microbi tra un campione di 45 scimmie colobo in Ghana. Gli animali sono rimasti prevalentemente in otto gruppi sociali distinti. Attraverso l'analisi della materia fecale, i ricercatori hanno rilevato grandi differenze nei tipi di microbi presenti nelle viscere di ciascun gruppo.

"La trasmissione microbica sociale tra le scimmie può aiutarci a capire come si diffondono le malattie", spiega Eva Wikberg, assistente professore di antropologia all'UTSA. "La cosa ha un parallelo con la nostra attuale situazione in cui cerchiamo di capire come l'allontanamento sociale [...] possa influenzare la trasmissione delle malattie".

Wikberg e il suo team hanno scoperto che i gruppi che sono entrati in contatto tra loro, anche solo occasionalmente, presentavano più microbi intestinali simili rispetto a quelli che non sono mai venuti in contatto.

Applicato al nostro contesto attuale di pandemia Covid-19, aiuta a dimostrare che anche un'interazione fugace può essere sufficiente per trasmettere la malattia.

"Gli studi sugli animali selvatici possono insegnarci molto sull'importanza di utilizzare interventi come l'allontanamento sociale per garantire comunità più sicura durante le pandemia", dice Wikberg.

Canva

Non sono solo le scimmie a "socializzare a distanza"

Il World Wildlife Fund (WWF) ha recentemente compilato un elenco di specie provenienti da tutto il mondo con comportamenti che li renderebbero "professionisti dell'autoisolamento".

L'elenco comprende i principali carnivori come gli orsi polari, che passano la maggior parte della vita da soli. "Al di là del cercare attivamente partner per l'accoppiamento nella tarda primavera e all'inizio dell'estate e ad allevare i loro cuccioli, gli orsi polari adulti tendono ad essere antisociali".

Gli orsi polari sono bravi ad auto-isolarsi, tendono ad essere alquanto antisociali.

Forse non sorprende che anche le balene blu, i leopardi delle nevi e i giaguari siano tra le specie a meglio autoisolarsi secondo il WWF. Tra le sorprese spunta l'ornitorinco australiano, specie apparentemente "timida" che è però "assolutamente felice di condurre una vita in solitudine".

Unsplash

Quando si tratta di evitare malattie, anche le specie che più dipendono dalla vita di comunità sembrano optare per il distanziamento sociale.

È il caso delle formiche si isolano volontariamente quando sono malate: riducono il contatto con i membri sani della loro colonia e cambiano significativamente il loro comportamento per prevenire la diffusione della malattia.

Le colonie di api possono essere devastate da malattie batteriche, con alcuni microbi che provocano persino la liquefazione delle larve dall'interno. Secondo una ricerca dell'entomologa Alison McAfee, della North Carolina State University, quando le larve sono infette emettono sostanze chimiche che altre api possono rilevare.

Se si scopre che le larve emettono odori particolari, le api della colonia provvederanno ad espellere il gruppo malato dall'alveare. Anche se questo metodo non è proprio l'ideale per gli esseri umani, non bisogna dimenticare che il distanziamento sociale sembra svolgere il suo ruolo decisivo anche in gran parte del regno animale.

Più visto