Detenute in permesso vivono in chiesa a Trani, 'qui sono amate'

Quattro donne e un uomo aiutano per le celebrazioni natalizie
Quattro donne e un uomo aiutano per le celebrazioni natalizie
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRANI, 25 DIC - "Averle qui vuol dire regalare loro un po' di serenità, specie in queste giornate dell'anno in cui sentirsi amati diventa quasi un bisogno. E durante la messa hanno avvertito il calore espresso da un applauso di incoraggiamento e hanno pianto di gioia". Così don Raffaele Sarno, cappellano del carcere di Trani, racconta quanto vissuto nelle ultime ore nella chiesa del Sacro Cuore della città dove da ieri sono ospitati cinque detenuti in permesso premio. Si tratta di quattro donne - una di origini tunisine e le altre del nord Barese - e di un uomo che fino al prossimo 3 gennaio trascorreranno lontano dalle fredde sbarre degli istituti di pena in cui sono reclusi, le festività assieme ai loro familiari. "Parte del primo piano della chiesa è destinato a chi, per varie ragioni disposte dal tribunale, non può stare a casa in permesso. Nelle nostre stanze trovano il profumo di casa che a loro manca", spiega don Raffaele. Ieri si sono messe subito all'opera per preparare navate e banchi alle celebrazioni natalizie. "Ho chiesto loro di dare una sistemata alla chiesa: non se lo sono fatto ripetere due volte e immediatamente hanno iniziato a pulire, spazzare, lucidare pavimenti e sedie. Sono state straordinarie", continua don Raffaele che conosce perfettamente le loro storie. "Ormai sono agli sgoccioli della pena, hanno vissuto momenti travagliati. Una di loro è nonna e il prossimo primo gennaio il suo nipotino sarà battezzato qui: è felicissima", prosegue il cappellano che ieri pomeriggio ha portato nell'istituto di pena femminile di Trani gli auguri dei fedeli in occasione della messa della vigilia. "Ho trasmesso gli auguri come segno di vicinanza e solidarietà e molte detenute hanno cominciato ad asciugarsi gli occhi. Un pianto sfociato in un applauso liberatorio - conclude don Raffaele - sono piccoli segni di speranza che il Bambino Gesù affida al cuore di ciascuno di noi". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Usa, Corte Suprema dà l'ok a Trump: strada spianata verso le elezioni di novembre

Le notizie del giorno | 04 marzo - Serale

Cosa sono la missione Ue Aspides e le altre operazioni nel Mar Rosso: il ruolo dell'Italia