Praga, italiana salva perché era il suo giorno libero

Una professoressa di Palmanova che insegna Italianistica
Una professoressa di Palmanova che insegna Italianistica
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 22 DIC - "È stato sconvolgente, se ieri non fosse stata la mia giornata libera avrei potuto essere anch'io tra le persone che per salvarsi si sono attaccate al cornicione dell'edificio. Una persona è morta perché è caduta da lì". E' il racconto che una professoressa italiana, Chiara Mengozzi, di Palmanova (Udine), ha fatto al quotidiano friulano Messaggero Veneto, riferendosi alla strage all'Università Karlova di Praga. Mengozzi ha vissuto al telefono i momenti di trepidazione causati dalla furia omicida di David Kozak, cercando di mantenere calmi i colleghi rifugiati nelle aule e nelle biblioteche. Professoressa di Italianistica, Mengozzi, 42 anni, da una decina d'anni vive a Praga, "città dove non mi sono mai sentita insicura". Mengozzi, ha riferito al Messaggero Veneto, lavora "al quarto piano dello stesso edificio della sparatoria, se non fosse stato che il giovedì non insegno sarei stata anch'io lì. I miei colleghi barricati nelle aule mi hanno contattata subito, ho trascorso la giornata al telefono". Tempestata di telefonate da parenti e amici, la professoressa per tranquillizzare tutti ha scritto un post su Facebook: "Sto bene, non sono al college". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Guerra in Ucraina: Zelensky "lanceremo una nuova controffensiva"

Le notizie del giorno | 23 febbraio - Pomeridiane

Ucraina, almeno 30mila dispersi: l'altro dramma di due anni di guerra con la Russia