Megatruffa reddito cittadinanza, 1 arresto e 900 indagati

Cosenza, coinvolto Centro assistenza fiscale. Frode da 3 milioni
Cosenza, coinvolto Centro assistenza fiscale. Frode da 3 milioni
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - COSENZA, 22 DIC - Una megatruffa da tre milioni di euro ai danni dello Stato. E' stata scoperta a Cosenza a seguito di un'indagine coordinata dalla Procura e condotta dai finanzieri del Comando provinciale. In carcere è finito il titolare di un Centro di assistenza fiscale attivo in città. Novecento in tutto, tra cittadini comunitari e extracomunitari, le persone indagate a vario titolo anche per reati di indebita percezione del Reddito di cittadinanza, indebito utilizzo e falsificazione di strumenti di pagamento, abusiva attività finanziaria e riciclaggio. Le indagini avviate dai finanzieri del Gruppo cosentino, a seguito di un' attività di analisi corroborata da accertamenti tecnici, documentali e bancari, ma anche di osservazione e perquisizione, hanno consentito di ricostruire uno strutturato contesto illecito che è andato avanti dal 2019 al 2022, con l'obiettivo di perseguire un'indebita percezione di sussidi. E' emerso, così, che il Caf, con modalità massive, acquisiva documenti di identità di persone residenti all'estero con il fine di avviare le pratiche relative a reddito di cittadinanza, reddito di emergenza e assegni familiari. Gli indagati, privi dei requisiti per l'ottenimento dei benefici di legge, ricevevano il denaro, anche con l'utilizzo di servizi di money transfer girando al Caf parte della somma a titolo di corrispettivo per le attività svolte. Inoltre, il Caf, nell'inoltrare le domande di sussidio, avrebbe utilizzato in alcuni casi residenze fittizie, al solo scopo di creare nuclei monofamiliari e con bassi valori di Isee, riportando più soggetti o nuclei familiari nel medesimo indirizzo di residenza. In altri casi si utilizzavano false utenze telefoniche, anche intestate a persone diverse dai richiedenti o a soggetti inesistenti, nonché con modelli Isee fittizi o viziati. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Alta tensione tra Moldova e Transnistria, Tiraspol chiede l'intervento russo per i dazi

La Germania media per la pace tra Azerbaigian e Armenia

Guerra in Ucraina, Zelensky al vertice in Albania chiede più munizioni