Faida tra clan rivali, blitz per bloccare omicidio a Catania

Nove fermati da carabinieri,anche boss della 'famiglia' Ercolano
Nove fermati da carabinieri,anche boss della 'famiglia' Ercolano
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - CATANIA, 22 DIC - L'assassinio dell'esponente di un clan rivale, pianificato da Cosa nostra, è stato sventato dai carabinieri di Catania che hanno eseguito il fermo di nove persone emesso dalla Dda della Procura. Tra i destinatari del provvedimento anche Sebastiano Ercolano, 20 anni, appartenente alla storica famiglia 'Ercolano-Santapaola' di Cosa nostra, che avrebbe stato uno degli ideatori e organizzatori dell'omicidio bloccato dall'operazione 'Leonidi' dei militari dell'Arma. Il gip ha disposto la custodia cautelare in carcere per tutti gli indagati. I reati contestati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, spaccio di stupefacenti, detenzione e porto d'arma da fuoco, con l'aggravante di avere favorito la mafia. Dalle indagini è emerso che il delitto era la 'risposta' alla sparatoria della sera del 21 ottobre 2023 nel quartiere San Cristoforo, quando Pietro Salvatore Gagliano, 26 anni, indicato come appartenente al clan Cappello-Bonaccorsi, anche lui tra i fermati, avrebbe esploso quattro colpi di arma da fuoco contro appartenenti alla famiglia di "Cosa Nostra". Due degli obiettivi, rimasti illesi, avrebbero deciso di vendicarsi, nonostante indicazioni di segno contrario provenienti da altri esponenti della stessa cosca. Secondo quanto emerso dalle indagini, Sebastiano Ercolano, "per lavare l'onta subita e riaffermare la 'credibilità' della famiglia di Cosa Nostra etnea", avrebbe "ideato e organizzato" l'omicidio effettuando anche "un sopralluogo nel luogo dove si nascondeva Gagliano" per "valutare in prima persona il miglior modus operandi che avrebbe garantito agli esecutori materiali" di poterlo "uccidere, fuggire, eliminare tracce di residui di arma da sparo e quindi recarsi in un locale notturno in modo da precostituirsi un alibi". Al centro dell'inchiesta coordinata dalla Procura Distrettuale le indagini, con intercettazioni, condotte dai Carabinieri del nucleo Investigativo del comando provinciale di Catania e avviate nel maggio dello scorso anno. Durante il periodo delle investigazioni militari dell'Arma hanno sequestrato armi, munizioni e sei chilogrammi di marijuana e un chilogrammo di cocaina. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria, ecco le norme sull'immigrazione più severe d'Europa

Repubblica Democratica del Congo: preoccupa l'inquinamento da estrazione petrolifera

Lo zoo di Madrid restituisce alla Cina una famiglia di cinque panda giganti