EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Dipendenti Comune di Milano potranno chiedere identità alias

Assessora, 'amministrazione sempre più inclusiva e rispettosa'
Assessora, 'amministrazione sempre più inclusiva e rispettosa'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - MILANO, 22 DIC - A Milano i dipendenti del Comune potranno richiedere a partire dal 2024 l'identità alias. Lo ha stabilito la giunta con una misura che promuove e tutela il diritto all'identità di genere e che si rivolge a tutto il personale che comprende, oltre ai dipendenti assunti a tempo indeterminato e determinato, anche chi collabora con l'amministrazione in forma di stage, servizio civile. Milano è tra i primi Comuni ad adottare un simile provvedimento, ed è la prima città metropolitana a formalizzare le linee guida con un atto della giunta. "Un passo importante e doveroso che dimostra la nostra attenzione verso tutta la nostra comunità lavorativa - commenta l'assessora alle Politiche del Lavoro con delega alle Risorse Umane, Alessia Cappello - e che rende la nostra amministrazione sempre più inclusiva, accogliente rispettosa verso le scelte e i diritti di tutte e tutti nel riconoscimento della propria identità". Dopo la richiesta e l'attivazione, l'identità alias scelta dal dipendente o dalla dipendente vedrà applicata a tutte le interazioni interne all'amministrazione, ad esempio al badge e al cartellino di riconoscimento, alla posta elettronica o ad eventuali targhe sulla porta dell'ufficio. L'obiettivo, spiega il Comune, è quello di migliorare il benessere del personale garantendo a chi non si riconosce nel genere dichiarato alla nascita la possibilità di vivere in un ambiente sereno, improntato al rispetto della privacy e della dignità. "Pur in un quadro legislativo complesso, Milano con questo atto e altri che ne seguiranno si conferma la città capitale dei diritti per l'affermazione delle tante identità di genere di tutti e tutte", afferma la delegata del sindaco alle Pari Opportunità Elena Lattuada. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le notizie del giorno | 15 luglio - Serale

Attentato a Donald Trump, le teorie cospirative e le fake news da milioni di visualizzazioni

La Nato inaugura il centro di comando per il supporto all'Ucraina in Germania