Bonus edilizi,scoperti illeciti per circa 50 milioni di euro

Vibo Valentia, emersi crediti d'imposta per lavori mai eseguiti
Vibo Valentia, emersi crediti d'imposta per lavori mai eseguiti
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - VIBO VALENTIA, 22 DIC - Ammontano a 50 milioni di euro i presunti illeciti sui bonus edilizi scoperti in provincia di Vibo Valentia a seguito di una serie di controlli effettuati dagli specialisti del Nucleo di polizia economico-finanziaria del Comando provinciale della Guardia di finanza. Gli accertamenti sono stati avviati nell'ambito del coordinamento con la "Cabina di Regia" istituita al Nucleo speciale entrate della Guardia di finanza per il contrasto alle frodi in materia di cessioni dei crediti d'imposta, nei confronti di diverse società operanti nella provincia vibonese che hanno incassato i fondi previsti e stanziati dal governo sotto forma di ecobonus, sisma-bonus, bonus facciate e bonus ristrutturazioni. In particolare, dall'analisi dei cassetti fiscali, è emerso per gli investigatori che "le società attive in diversi settori hanno generato decine di milioni di euro di crediti d'imposta per lavori edilizi mai eseguiti". I controlli eseguiti secondo quanto riferito dalla Guardia di finanza, hanno consentito di accertare la creazione - da parte dei rappresentanti legali delle società sottoposte ad accertamento - crediti d'imposta fittizi per lavori edilizi fantasma i quali, dopo una serie di "cessioni a catena" a società "cartiere" prive di reale operatività, sono stati monetizzati attraverso il sistema creditizio. Ai titolari o rappresentanti legali delle ditte o società sottoposte a controllo, pertanto, sono stati contestati illeciti per crediti d'imposta inesistenti, generati, ceduti e monetizzati, per un ammontare complessivo di circa 50 milioni di euro, in relazione ai quali l'Agenzia delle Entrate provvederà ad emettere immediati atti di recupero. Oltre agli illeciti individuati, sono state contestate anche numerose violazioni alla normativa fiscale, connesse al mancato rispetto delle norme tributarie e dichiarative. Sono in corso ulteriori accertamenti sulla destinazione finale delle somme di denaro ottenute e sul loro eventuale reimpiego in attività economiche, finanziarie o speculative. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Nelle acque siciliane va in scena l'esercitazione della Nato Dynamic Manta

Le notizie del giorno | 27 febbraio - Serale

Polonia, gli agricoltori protestano a Varsavia: "Uscire dal Green Deal dell'Ue"