EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Vescovo Trieste, fa male la disinvoltura sul suicidio assistito

'Affido Anna al Signore, ora è il tempo di silenzio e preghiere'
'Affido Anna al Signore, ora è il tempo di silenzio e preghiere'
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - TRIESTE, 13 DIC - "Mi fa male la disinvoltura con cui si inneggia al suicidio assistito come a una conquista, come a un progresso. Io penso che il vero progresso sia una società nella quale si condividono gioie e fatiche. Progresso è un'assistenza di qualità, un'adeguata alleanza terapeutica". Lo scrive il vescovo di Trieste, monsignor Enrico Trevisi, in un messaggio diffuso dopo la morte di 'Anna', la donna di 55 anni di Trieste che ha avuto accesso al suicidio assistito con l'assistenza diretta del sistema sanitario nazionale. "Insieme ci si aiuta anche dentro gli anfratti opachi, come sono certe malattie", aggiunge Trevisi. "Affido Anna al Signore. Noi crediamo nel Dio della vita e a Lui affidiamo tutti i nostri defunti e pure i nostri malati, nella loro fatica di sopportare il dolore fisico (per il quale non sempre sono a disposizione le cure palliative che potrebbero essere di grande aiuto) e la sofferenza per la propria inabilità, per il dare senso alla propria condizione di grave disabilità, dell'aspettare una morte che pare tardare e accrescere l'angoscia". "Già abbiamo avuto modo - osserva - come vescovi del Triveneto, di esprimere la nostra riflessione sul suicidio assistito e sulla pressione politica e massmediale a favore dell'eutanasia. E pure i dubbi sulla corretta interpretazione e applicazione della sentenza 242/2019 della Corte costituzionale. Ma di fronte al mistero della morte ora è meglio il silenzio e la preghiera. In essi viene da domandarci se come società e come comunità cristiana stiamo facendo abbastanza - conclude - per accompagnare i malati gravi o se li induciamo a sentirsi un peso, uno scarto, un costo economico". (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Netanyahu al Congresso Usa: "Guerra a Hamas fino alla vittoria totale"

Fao, "733 milioni di persone hanno sofferto la fame nel 2023"

Hubert Védrine: "Le democrazie rappresentative sono in crisi"