EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Truffa al Ssn: fondi subito a secco, pazienti costretti a pagare

(V.'Ricette false per avere rimborsi da Servizio...' delle 9.26)
(V.'Ricette false per avere rimborsi da Servizio...' delle 9.26)
Diritti d'autore 
Di ANSA
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - A causa della truffa al Servizio Sanitario Nazionale messa a segno nel napoletano da due associazioni a delinquere, i fondi pubblici per le prestazioni si esaurivano rapidamente e i pazienti 'autentici' erano costretti a pagare gli esami di laboratorio di tasca propria. E' quanto emerso dall'indagine dei finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Napoli che ora stanno quantificando l'entità del danno arrecato. Sono 17 gli indagati - tra medici, farmacisti, titolari di laboratori di analisi e informatori scientifici - a cui sono state notificate altrettante misure cautelari. I farmaci prescritti sono decine di migliaia e finora le fiamme gialle hanno già sequestrato oltre 120mila euro ritenuti provento della truffa. I militari, coordinati dalla Procura di Nola, hanno individuato due associazioni a delinquere ai cui vertici c'erano dei medici. Una si occupava dei rimborsi per gli esami di laboratorio, l'altra, invece, metteva a segno la truffa con le ricette per i farmaci che venivano - come anche per la seconda associazione a delinquere - emesse per pazienti esenti da ticket. Di questa facevano parte i titolari di uno studio di medicina generale, di sei farmacie e diversi informatori scientifici che sollecitavano i medici a prescrivere medicine prodotte dalle società da loro rappresentate per azzerare le giacenze delle farmacie e ottenere nuove forniture. Le fustelle venivano apposte sulle ricette false poi inviate all'Asl per il rimborso. Le confezioni rimaste senza fustella venivano ritirate dal medico di base o dai dipendenti dello studio. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ucraina, l'impegno della Nato per la difesa aerea: 40 miliardi di euro, in arrivo F-16 e Patriot

I residenti delle Baleari sono stufi del turismo di massa

Caso Rheinmetall, la Russia voleva uccidere l'Ad di azienda tedesca che fornisce armi all'Ucraina